Tassi bond tedeschi tornano positivi

di Redazione Commenta

Il clima di forte appetito per il rischio sta favorendo gli investimenti in asset rischiosi, in particolare l’azionario mondiale e i bond della periferia europea. I cosiddetti “beni rifugio” stanno trovando sempre meno posto nei portafogli degli investitori internazionali, in quanto sta diminuendo l’esigenza di allocare le proprie sostanze in strumenti finanziari sicuri. Così il nuovo anno sta evidenziando una fase di forte correzione per i Bund tedeschi, che durante il 2012 avevano garantito ritorni in conto capitale molto elevati agli investitori che cercavano un porto sicuro durante la fase più turbolenta della crisi dei debiti sovrani europei.

Oggi il future sul Bund decennale è sceso sui minimi più bassi da inizio novembre scorso sotto 141,50, generando contestualmente un nuovo incremento del rendimento. Secondo quanto dichiarato dagli esperti di Banca Intermobiliare, “un’indicazione significativa è arrivata lunedì anche dall’asta dei bond tedeschi a un anno, che ha registrato un rendimento positivo per la prima volta da giugno dello scorso anno”. Una grande novità degli ultimi tempi è anche il ritorno in territorio positivo dei tassi sullo Schatz biennale.

CLERICAL MEDICAL CONSIGLIA DI USCIRE DAI BOND

Insomma, il mercato monetario e dei capitali nella zona euro sembra si stia normalizzando sempre più: i tassi sui bond tedeschi a breve termine stanno tornando positivi, i tassi interbancari a tre/sei mesi stanno registrando lievi incrementi, mentre gli spread sovrani continuano a restringersi. Il nuovo scenario di mercato così presentato evidenzia un ritorno dei capitali nei paesi della periferia europea, che tra il 2010 e il 2012 avevano accusato deflussi per centinaia di miliardi di euro.

EURO SFONDA 1,35 DOLLARI AI MASSIMI DA NOVEMBRE 2011

Secondo Ing, nel periodo settembre-dicembre 2012 il flusso netto di capitali in entrata nei paesi periferici dell’area euro ha sfiorato i 100 miliardi di euro. Banca Intermobiliare evidenzia che ci sono i primi segnali di inversione di tendenza sulla curva dei tassi tedeschi. Gli esperti di Bim consigliano di “ridurre la duration di portafoglio area euro nel suo complesso” e di puntare soprattutto sull’azionario, in particolare dei paesi emergenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>