Come investire in Btp dopo il rally di inizio anno

di ND82 Commenta

btpIl clima di distensione sui mercati finanziari, che sta generando un forte appetito per il rischio, sta portando anche sollievo alle casse dell’Italia visto che le ultime aste di Bot, Btp e Ctz hanno mostrato tassi ai minimi di sempre o ai livelli pre-crisi. Il rally dei titoli di stato italiani è davvero impressionante. Sul mercato primario i Bot a 6 e 12 mesi hanno registrato i rendimenti più bassi dalla nascita dell’euro. La stessa cosa è accaduta ai Ctz e Btp a 24 mesi.

Anche i tassi a lungo termine sono in costante calo. Il rendimento del Btp a 10 anni è ormai sempre più stabile sotto la soglia del 4% ed è sceso ai minimi da fine 2006. Lo spread Btp-Bund ha sfiorato quota 250, ben lontano dai livelli record di 575 di novembre 2011. Per gli investitori, però, si aprono legittimi interrogativi sulla sostenibilità del rally nei prossimi mesi, considerando anche la difficile situazione economica del Belpaese.

RISCHIO “EFFETTO-MAGGIO” CON LE BORSE A LIVELLI RECORD

In effetti l’appeal dei bond governativi italiani non sembra essere solo connesso a questioni meritocratiche, legate agli sforzi fatti per risanare i conti pubblici, bensì anche (e soprattutto) a variabili legate al sentiment e alla politica monetaria delle banche centrali più importanti del mondo. L’immissione record di liquidità nel sistema spinge gli investitori a caccia di rendimenti, in un momento in cui i bond dei paesi più sicuri viaggiano a tasso zero o quasi. L’Italia diventa così molto attraente, potendo anche contare sul paracadute d’emergenza dello scudo anti-spread della Bce.

JP MORGAN PREVEDE TASSI BTP AL 3,5% CON GOVERNO LETTA

Tuttavia, nelle ultime aste la domanda ha cominciato a mostrare qualche segnale di debolezza. La sensazione è che gli investitori non faranno più incetta di titoli di stato italiani sotto determinate soglie di rendimento. Investire in Btp potrebbe, quindi, essere decisamente meno allettante rispetto a 4-5 mesi fa e forse anche più rischioso se i mercati dovessero iniziare una fisiologica fase di correzione dopo il rally di inizio anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>