Tobacco Bond, la disputa tra stati e compagnie

di Redazione Commenta

La disputa tutta americana tra stati federali e produttori di sigarette vale circa sette miliardi di dollari e potrebbe prevenire nuove legislazioni per il futuro, oltre che dei Tobacco Bond dai ricavi interessanti: questi particolari titoli obbligazionari stanno vivendo un rally importante proprio grazie a queste discussioni, le quali stanno coinvolgendo quelle compagnie che lamentano una erosione della quota di mercato necessaria per pagare 46 stati. Secondo Richard Larkin, direttore dell’analisi creditizia presso la Herbert J. Sims & Co., l’intesa non può che essere positiva, anche perché pone fine a una questione che si è protratta troppo a lungo. Gli stati in questione detengono circa 107 miliardi di dollari in questi strumenti finanziari, mentre le società che sono attive nel settore hanno garantito pagamenti pari a sei miliardi quest’anno, in calo rispetto a quanto registrato nel 2010.

Tim Pynchon, il quale supervisiona tre miliardi di dollari di bond municipali per conto della Pioneer Investment Management Inc. di Boston, ha già fatto sapere che i rendimenti relativi ai Tobacco Bond non saranno molto alti nei prossimi mesi, anzi sono previsti dei ribassi importanti. Un esempio importante è quello che giunge dalla California: in questo stato, infatti, i titoli in scadenza a giugno del 2045 sono giunti fino a un ritorno economico del 6,2%, in ribasso rispetto a quanto rilevato soltanto pochi giorni prima (6,5%). Lo stesso discorso vale anche per i prodotti dell’Ohio (in questo caso la scadenza è giugno del 2024), i cui rendimenti sono scesi dall’8,1 al 7,9%.

Tra l’altro, i bond di lunga data sono quelli che vantano le garanzie migliori in questo preciso momento storico. Gli stati che partecipano all’accordo stanno richiedendo a gran voce il denaro che spetta loro, visto che nel 1998 fu deciso di rimborsare 246 miliardi di dollari in relazione alle malattie collegate al fumo, ma i principali produttori attuali, come la National Tobacco Company, non erano presenti tredici anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>