Su quali borse asiatiche puntare nel 2013 secondo BlackRock

Spread the love

Negli ultimi mesi alcuni listini azionari del Far East asiatico hanno deluso le aspettative, in particolare le borse cinesi che hanno sofferto il rallentamento economico del paese nella prima parte del 2012 e le aspettative di un possibile hard landing, a causa del rischio bolla nel settore del credito e degli immobili. Tuttavia, i money manager consigliano agli investitori di non allontanarsi da questi mercati. In particolare, Andrew Swan – responsabile per l’azionario asiatico (escluso il Giappone) di BlackRock – è convinto che “da questo momento in avanti occorre selezionare con attenzione titoli e i settori in cui investire”.

L’esperto ritiene che le performance deludenti delle principali borse asiatiche, soprattutto della borsa di Shanghai, non devono trarre in inganno gli investitori in quanto “quella dei mercati finanziari del Far East è una storia di crescita di lungo periodo”. Da inizio 2012 la borsa di Shanghai perde più del 5%, ma la situazione è completamente diversa a Hong Kong. Qui l’indice azionario Hang Seng guadagna più del 20% da inizio 2012.

PREVISIONI MERCATI FINANZIARI 2013 SECONDO INVESCO

A Hong Kong, a differenza di Shanghai, c’è maggiore attività degli investitori, in quanto sulla piazza finanziaria della città-stato cinese sono quotate le grandi aziende i cui titoli possono essere acquistati anche dagli investitori stranieri. Swan, però, consiglia cautela sul listino di Hong Kong, in quanto “quando scoppierà la bolla immobiliare, ormai matura, anche la borsa soffrirà per la fine di un lungo periodo di euforia”. L’esperto consiglia maggiore selettività sui mercati asiatici, ma sottolinea come in media le azioni asiatiche siano sottovalutate con un p/e a 11 volte circa, inferiore alla media storica di lungo periodo di 12,5 volte circa.

INVESTIRE IN CINA – DICEMBRE 2012

Swan si aspetta un soft landing dell’economia cinese a ritmi del 7-8% rispetto ai precedenti tassi di crescita del 10-11%. Ciò favorirà l’azionario cinese, soprattutto titoli appartenenti al settore delle infrastrutture, dei consumi, internet e social network (tra cui Weibo.com). La borsa preferità di medio-lungo periodo è però quella indiana di Mumbai, soprattutto i settori finanziario e dell’healthcare. Tra i mercati dell’Asean il gestore segnala opportunità di investimento nelle Filippine, in Malesia e Indonesia.

Lascia un commento