Risparmio e investimenti: buone notizie per i prossimi mesi

di Redazione Commenta

Dopo parecchi anni di difficoltà legate alla crisi finanziaria ed economica, l’economia italiana, in termini di prodotto interno lordo nazionale, è tornata a crescere anche se a ritmi fin troppo moderati. Di conseguenza anche tra le famiglie italiane inizia a vedersi la luce in fondo al tunnel dopo mesi e mesi di ristrettezze. Non a caso, secondo l’ultima indagine condotta, a valere sul mese di aprile del 2011, dall’Osservatorio della Findomestic, gli italiani da qui ad un anno rilevano una maggiore propensione al risparmio, ovverosia a mettere qualche soldino da parte. Trattasi di una buona notizia visto che gli italiani storicamente sono un popolo di risparmiatori; non a caso, se al debito pubblico, elevato per il nostro Paese, associamo anche i livelli del debito e del risparmio privato, allora l’Italia diventa uno dei Paesi più solidi rispetto ad altre economie industrializzate del Vecchio Continente che hanno un debito pubblico più basso.

Insomma, dopo qualche anno di “pausa”, gli italiani, sperando non ci siano nuove crisi negli anni a venire, possono tornare a risparmiare e ad avere maggiore fiducia nel futuro. Ma dove mettere i risparmi? Ebbene, con la Borsa volatile, e con una propensione al rischio che si è ulteriormente abbassata, aumentano gli italiani che puntano sui prodotti-salvadanaio, ovverosia sui conti di deposito remunerati.

Ma quali sono e, soprattutto, che tassi offrono? Ebbene, da questo punto di vista può aiutarci il portale di comparazione online Supermoney.eu al fine di trovare il conto di deposito remunerato che offre il miglior tasso netto anche in funzione della somma che intendiamo investire. Ad esempio, attualmente Ing Direct con il Conto Arancio offre il 3,25% con il vincolo a 12 mesi, così come c’è IBL Banca che sul vincolo a 24 mesi offre il 4,04% lordo. Oppure Rendimax di Banca Ifis che attualmente propone il 4% con il vincolo a 24 mesi. Niente male, in effetti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>