Enel conferma gli obiettivi 2011

di Redazione 2

Il colosso elettrico ed energetico italiano Enel S.p.A., quotato in Borsa a Piazza Affari, e facente parte dell’indice FTSE MIB, quello dei titoli ad elevata capitalizzazione, ha confermato per voce dell’Amministratore Delegato Fulvio Conti, gli obiettivi per l’intero 2011 già resi noti ed indicati al mercato. La conferma è arrivata in concomitanza con l’esame e l’approvazione dei dati del primo semestre 2011 di Enel S.p.A. da parte del Consiglio di Amministrazione; in particolare, dai dati è emersa una crescita dei ricavi del 10,3%, passati dai 34.802 milioni di euro dell’H1 2010, ai 38.391 milioni di euro al 30 giugno del 2011. L’Ebitda è cresciuto di un modesto 0,6% a 8.929 milioni di euro, mentre l’Ebit anno su anno è sceso di un altrettanto modesto 0,2%.

Il risultato netto del Gruppo Enel S.p.A. è aumentato del 5,2% a 2.552 milioni di euro, mentre l’utile netto ordinario del Gruppo è sceso del 4,9% a 2.305 milioni di euro dai 2.425 milioni di euro al 30 giugno del 2010. Aumenta del 2,7% nel periodo l’indebitamento finanziario netto, passato da 44.924 milioni di euro a 46.135 milioni di euro.

Secondo quanto dichiarato dall’Ad Conti, Enel ha archiviato un semestre positivo grazie in particolare allo sviluppo della controllata Enel Green Power, a sua volta ed allo stesso modo quotata in Borsa, alla crescita in Paesi come la Russia, ma anche per effetto dei buoni risultati che la società ha conseguito sul mercato libero in Italia dalle attività di distribuzione e vendita dell’energia.

Per quel che riguarda l’evoluzione prevedibile della gestione, il Gruppo Enel S.p.A. ha sottolineato come per la propria crescita, per il corrente semestre, e per quelli a venire, potrà offrire contributi positivi la domanda di energia elettrica in Paesi come la Russia, l’America Latina, ma anche i Paesi dell’Europa dell’Est. Inoltre, ai fini del raggiungimento degli obiettivi strategici resi noti al mercato Enel S.p.A. farà leva anche sulla dimensione societaria raggiunta e sulla diversificazione geografica.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>