Ubs punterà sul business italiano degli Etf

di Redazione Commenta

Ubs non si limita soltanto a consigliare azioni europee: il celebre istituto di credito svizzero è infatti pronto a buttarsi a capofitto in un’avventura che si preannuncia proficua. Il collegamento tra queste intenzioni e il nostro paese è presto detto. Nel dettaglio, la banca di Basilea e Zurigo ha deciso di sviluppare il proprio business relativo agli Exchange Traded Fund per quel che concerne l’Italia, tanto è vero che il progetto è stato fatto partire con la nomina di un responsabile per il Belpaese in relazione a tali strumenti finanziari (nello specifico si tratta di Simone Rosti).

In realtà, gli investitori sono maggiormente abituati ad altri tipi di prodotti legati a tale marchio (si può pensare, ad esempio, quando Ubs ha lanciato un certificato legato al titolo Intesa), ma la novità potrebbe risultare interessante. La scelta di Rosti non è casuale, in quanto si sta parlando di una figura professionale che si è fatta le ossa all’interno di iShares, molto attiva proprio nell’emissione di Etf. Ubs Etf è attualmente in grado di gestire un patrimonio complessivo che ammonta a dodici miliardi di dollari per quel che concerne il continente europeo, il sesto operatore finanziario in assoluto.

La presenza in Italia è invece caratterizzata da sedici fondi che sono stati messi a disposizione sul segmento azionario, mentre il 2013 dovrebbe mettersi in luce per un vero e proprio boom. In pratica, si parla già del lancio di sessanta nuovi prodotti, con esposizioni molto differenziate, passando da quelle relative alle classi tradizionali di assets fino ad altre considerate di nicchia. I Ter (Total Expense Ratio), inoltre, saranno differenti a seconda delle esigenze di portafoglio. Gli Etf di Ubs sfruttano in larga misura la replica fisica, una correlazione che è esclusiva quando si ha a che fare con i prodotti del comparto obbligazionario. Tra gli strumenti di nicchia figureranno con tutta probabilità quelli legati alle terre rare e alle strategie socialmente responsabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>