Scommesse rialziste sull’oro

di robertor Commenta

 Nel corso degli ultimi giorni gli hedge fund hanno aumentato le proprie posizioni rialziste sull’oro. A sostenerlo sono le valutazioni sugli ultimi dati diffusi alla stampa ad opera dell’americana Commodity Futures Trading Commission (Cftm), che confermano un buon trend di “scommessa” sulle quotazioni del lingotto. Valutazioni che invertono almeno parzialmente quanto maturato negli ultimi mesi, e che sembrano aprire una nuova stagione della “corsa all’oro”.

In particolare, gli elementi statistici della Commodity Futures Trading Commission parlano di un incremento del 35 per cento (fino a 48.096) dei contratti net-long (rialzisti) sull’oro nell’ultima settimana, rispetto a quella precedente. L’aumento dei contratti rialzisti di lungo termine contrasta prevedibilmente con il forte calo di quelli su posizioni short, in decremento in doppia cifra.

Per quanto attiene le principali evoluzioni del segmento, gli esperti di Barclays sostengono che il prezzo medio 2013 dell’oro sarà di 1.483 dollari l’oncia (pertanto, in decisa contrazione rispetto ai 1.668 nel 2012). Il calo seguirà poi gradualmente una strada che gli analisti di Barclays sembrano aver abbondantemente tracciati: il decremento verrà infatti fissato a quota 1.450 dollari nel 2014 e a quota 1.375 dollari nel successivo 2015 (abbiamo approfondito le previsioni di Barclays sull’oro appena pochi giorni fa, illustrando la presumibile discesa delle quotazioni del metallo prezioso nei prossimi mesi).

Sempre secondo quanto affermano gli analisti di Barclays, nel corso del terzo trimestre 2013 è atteso un parziale recupero rispetto al secondo periodo dell’anno, con passaggio da 1.350 dollari a 1.450 dollari. Lo scenario, estremamente volatile, è arricchito dai deflussi degli Etf che hanno come sottostante l’oro fisico e altre materie prime (nel corso del mese di maggio 2013 gli impieghi nel lingotto sono calati del 5,4 per cento a quota 2.152 tonnellate).

Per quanto invece concerne le proiezioni compiute dagli specialisti di Credit Suisse, la quotazione media del metallo prezioso nei prossimi tre mesi sarà pari a 1.300 dollari l’oncia, mentre quella a 12 mesi sarà pari a 1.450 dollari l’oncia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>