Polonia, fra dieci giorni il lancio dei bond governativi

di Redazione 1

L’annuncio risale a qualche giorno fa, ma dà l’idea di quella che sarà la prossima emissione finanziaria della Polonia: il ministro delle Finanze, Jan-Vincent Rostowski, è infatti intenzionato a lanciare una nuova serie di titoli obbligazionari nel corso della prossima asta, prevista per il 19 ottobre, un appuntamento sempre più vicino quindi. L’operazione a cui si sta facendo riferimento si è resa necessaria a fronte del piano di finanziamenti che il governo di Varsavia intende approntare per il quarto trimestre di quest’anno. Entrando maggiormente nel dettaglio di questa offerta imminente, c’è da precisare che l’ammontare complessivo sarà compreso tra 1 e 3,5 miliardi di zloty (tra i trecento milioni e il miliardo di dollari), anche se non è escluso qualche ritocco dell’ultimo minuto. Ma non si tratta dell’unica asta polacca in previsione nel breve termine.

In effetti, le due date da prendere in esame sono in rapida successione, vale a dire il 16 e il 23 novembre prossimi. Nel primo caso, l’importo dovrebbe essere sostanzialmente simile a quello di questo mese, anche se bisognerà considerare con la massima attenzione le future condizioni del mercato; sette giorni dopo, invece, il condizionale è d’obbligo, ma le indiscrezioni principali parlano di un altro miliardo di zloty, denaro che verrà utilizzato per finanziarie costruzioni infrastrutturali, in particolare nuove strade (ecco perché questi strumenti vengono anche chiamati “Road Bond”).

Un’ulteriore asta, poi, è programmata per l’8 dicembre, un evento che sarà determinato dal budget del paese e dalla volatilità. Al contrario, i titoli del Tesoro non subiranno la stessa sorte, almeno per quel che concerne questi ultimi due mesi e mezzo del 2011. Intanto, l’economia polacca perde colpi: il nuovo esecutivo si è insediato proprio oggi, ma le sfide da affrontare non saranno semplici, visto che, se ne 2010 il ritmo di crescita era pari a un interessante 3,8%, nel 2011 le stime saranno molto più deboli.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>