Korea Exchange Bank emette un nuovo bond a cinque anni

di Redazione Commenta

Korea Exchange Bank ha deciso di emettere settecento milioni di dollari in titoli obbligazionari: si tratta, nello specifico, di bond che giungeranno a maturazione tra cinque anni e che prevedono un rendimento iniziale superiore ai 3,2 punti percentuali. Quali sono le altre caratteristiche più interessanti di tali strumenti? Anzitutto, l’offerta in questione sta beneficiando di uno spread pari a 255 punti base al di sopra dei titoli del Tesoro che possono essere confrontati in base alla scadenza. In aggiunta, non bisogna nemmeno dimenticare che la cedola di queste obbligazioni è pari a 3,125 punti percentuali.

KEXIM CONQUISTA GLI INVESTITORI GRAZIE AI SAMURAI BOND
Tra l’altro, l’ultimo valore che è stato citato risultato essere più basso rispetto al prezzo guida che era stato selezionato per il rendimento. Un pool di banche piuttosto nutrito provvederà alla gestione della vendita: ne fanno parte colossi come Bank of America, Citigroup, Ing, Hsbc e Morgan Stanley, solo per citare i nomi più celebri e riconosciuti. Anche i rating giocano un ruolo essenziale da questo punto di vista. In effetti, il bond è stato valutato da Moody’s con A2 e da Standard & Poor’s con un giudizio leggermente inferiore, vale a dire A-: questo significa che l’affidabilità dei bond dell’istituto di credito coreano viene considerata buona e con probabilità praticamente nulle di un default entro un anno di tempo.

COREA DEL SUD: INGENTI RIACQUISTI DI T-BOND NEL 2011

Korea Exchange Bank è l’istituto asiatico che si è da sempre specializzato, come suggerisce anche il suo nome, negli scambi in valuta estera nel territorio della Corea del Sud. Il quartier generale si trova a Seul, anche se si sta parlando del quinto gruppo coreano per volume di assets e del primo per quel che concerne il suo business principale. Sono davvero moltissime le valute prese in considerazione, dal dollaro americano all’euro, passando per il real brasiliano, lo zloty polacco, lo yuan, il ringgit e la rupia indiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>