In Italia il fondo di Hsbc per l’obbligazionario indiano

di Redazione Commenta

Spread the love

Non sono ore semplici quelle che sta vivendo Hsbc (Hong Kong and Shanghai Banking Corporation): l’istituto di credito britannico è stato condannato dalle autorità americane a pagare quasi due miliardi di dollari per alcune transazioni con l’Iran e con i narcos messicani. Ciò nonostante, il gruppo di Londra si è fatto notare anche per il lancio nel nostro paese di un fondo Ucits (armonizzato quindi a tale normativa) che consente di ottenere una buona esposizione al mercato obbligazionario dell’India. Giusto ieri sono stati resi noti i migliori consigli per investire nei mercati emergenti nel 2013, lo strumento di Hsbc può essere un’occasione da prendere al volo.

L’Hsbc Gif India Fixed Income andrà a investire in larga misura nelle emissioni governative, oltre che nei bond societari locali che sono denominati appunto in rupia. In particolare, verrà sfruttata la licenza Fii, sigla che indentifica il Foreign Institutional Investor, un utilizzo che viene autorizzato direttamente dal Securities and Exchange Board of India (Sebi). Quali sono le caratteristiche principali che potrebbero attrarre gli investitori? Anzitutto, i titoli obbligazionari che sono denominati in valute diverse dalla rupia sono sempre ammessi, a patto però che vi sia un legame con l’India: lo strumento in questione, poi, diventerà parte integrante dell’Hsbc Global Investment Fund, il quale è in grado di gestire i fondi in moltissimi paesi in tutto il mondo.

La gestione del comparto spetterà poi al team dell’Asian Fixed Income di Hsbc Global Asset Management, con uffici operativi che sono dislocati in diversi paesi del continente (Taiwan, India, Cina e Hong Kong). La banca londinese ha esternato tutta la propria soddisfazione per questo collocamento, il quale è destinato sia agli investitori istituzionali che a quelli retail del nostro paese: l’accesso al mercato obbligazionario indiano sarà molto più semplice e si può fare affidamento su un potenziale di crescita che nei prossimi anni dovrebbe essere piuttosto interessante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>