Investire in corporate bond senza rating

di Redazione Commenta

I bond senza rating potrebbero essere considerati dei titoli obbligazionari molto rischiosi, ma questo è vero solo in teoria. Anche senza avere un giudizio sul merito di credito da parte di almeno una delle tre principali agenzie di rating presenti sul mercato (Standard & Poor’s, Moody’s, Fitch), è possibile trovare delle buone opportunità di investimento tra i corporate bond senza rating senza esporsi al rischio in modo eccessivo. Secondo uno studio di Consultique Sim, società di investimento indipendente, ci sono alcune emissioni obbligazionarie italiane e straniere senza rating con cedole molto elevate.

Tuttavia, questi bond hanno spesso un taglio minimo di investimento di 50.000 o 100.000 euro, per cui è chiaro che sono appannaggio per lo più degli investitori maggiormente capitalizzati. Tra le emissioni italiane più interessanti troviamo quelle di Campari (scadenza 25/10/2019, cedola 4,5%), Pirelli (scadenza 22/2/2016, cedola 5,125%), Prysmian (scadenza 9/4/2015, cedola 5,25%) e Mediaset (scadenza 1/2/2017, cedola 5%). Per Campari e Pirelli il taglio minimo richiesto è di 100mila euro.

Secondo Marcello Ferrara, strategist per il mercato obbligazionario di Consultique Sim, le quotazioni di questi bond senza rating tendono ad essere più stabili dei titoli di stato con stessa durata nelle fasi di maggiore tensione sui mercati finanziari. Tuttavia, rispetto ai bond governativi dell’area euro, queste obbligazioni sono tassate con un’aliquota più alta: 20% contro il 12,5% dei titoli di stato. I bond che non hanno un giudizio sull’affidabilità creditizia sono solitamente caratterizzati dal fatto che la società emittente – che magari ha anche un unico bond in circolazione o pochi – tende a voler risparmiare il costo del rating.

Infatti, per ottenere un rating dalle principali agenzie il costo si aggira intorno ai 100mila o anche 200mila euro. Tra i fattori di rischio troviamo la bassa liquidità di questi bond senza rating, che si traduce in ino spread bid/ask nel book spesso molto ampio. Tra i bond stranieri più interessanti troviamo quello di Air France-Klm (scadenza 27/10/2016, cedola 6,75%), Celesio Finance (scadenza 26/4/2017, cedola 4,5%), Seb (scadenza 3/6/2016), Porsche Intl. Fin. (scadenza 1/2/2016, cedola 3,875%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>