Eurotech: ricavi in crescita nel primo trimestre 2010

Spread the love

eurotechIl Gruppo Eurotech, società con base in Italia e leader nel settore dei computer miniaturizzati, ha archiviato il primo trimestre del 2010 con un andamento del fatturato in crescita del 2,3% a 19,75 milioni di euro rispetto ai 19,31 milioni di euro del periodo gennaio – marzo 2009. Questo è uno dei dati salienti emersi dall’esame e dall’approvazione dei conti Q1 2010 di Eurotech da parte del Consiglio di Amministrazione della società; inoltre, il primo margine consolidato è rimasto sostanzialmente stabile passando da 10,48 milioni di euro a 10,15 milioni di euro, mentre migliora l’Ebitda consolidato che passa anno su anno da un dato negativo per 1,17 milioni di euro ai +0,09 milioni di euro del primo quarto del 2010. Migliora, pur attestandosi ancora sul valori negativi, anche l’Ebit consolidato di Eurotech che passa da -3,13 milioni di euro a -2,02 milioni di euro.

Prima delle imposte, il risultato consolidato segna un rosso di 2,38 milioni di euro rispetto ai -2,97 milioni di euro del primo quarto 2009, mentre l’indebitamento finanziario al 31 marzo 2010 si è attestato a 10,85 milioni di euro. Per quanto riguarda l’andamento del business, Eurotech con una nota ha sottolineato come ci siano ancora dei segnali di instabilità per quel che riguarda la congiuntura economica su scala globale; pur tuttavia, anche in virtù di un miglioramento degli ordinativi da parte dei propri clienti, Eurotech mette in evidenza come si intravedano dei miglioramenti in diversi mercati ed in diversi settori.

Il miglioramento del dato relativo all’Ebitda di Gruppo, anno su anno, si spiega con i costi operativi che nei primi tre mesi del 2010, al lordo delle rettifiche operate, si sono attestati a 10,8 milioni di euro rispetto ai 12,1 milioni di euro del primo quarto del 2009. Nel primo quarto 2010 Eurotech ha portato avanti la politica messa in atto lo scorso anno e basata sul contenimento dei costi fissi, attivazione delle sinergie con le proprie consociate e razionalizzazione delle risorse.

Lascia un commento