Esm prima asta bond trimestrali a tassi negativi

di Redazione Commenta

Il fondo salva-stati permanente europeo, noto come European stability mechanism (Esm), ha lanciato oggi la sua prima emissione obbligazionaria del 2013 spuntando tassi negativi. Secondo quanto previsto dal programma di finanziamento a breve termine per l’anno in corso, che vedrà il fondo emettere bond a 3 e 6 mesi conducendo operazioni ogni martedì, l’Esm ha lanciato bond a 3 mesi per un controvalore totale pari a 1,927 miliardi di euro. Le richieste da parte degli investitori istituzionali sono ammontate a 6,2 miliardi di euro.

Il rapporto di copertura tra quantitativo offerto e ammontare richiesto (bid/cover ratio) si è attestato a 3,2, per cui si può affermare che si è trattato di un’asta che ha riscosso un grande interesse. Il rendimento medio dei titoli allocati è risultato pari a -0,0324%. Secondo Cristophe Frankel, vicedirettore del fondo, “il successo di questa asta iniziale mostra come gli investitori siano perfettamente a loro agio con il passaggio di consegne sul programma a breve termine tra Esm ed Efsf”.

RATING SOVRANI ANCORA A RISCHIO NEL 2013?

Infatti, dal 2013 il programma del fondo Esm sostituirà le precedenti operazioni del fondo salva-stati temporaneo Efsf (European financial stability facility), che quindi non condurrà più operazioni di questo tipo sulle scadenze di breve termine a 3 e 6 mesi. Il fondo Esm ha attualmente il rating AAA da parte di Fitch (massima affidabilità creditizia) e un giudizio Aa1 da parte di Moody’s. L’Esm è partito ufficialmente a inizio ottobre 2012 e nel tempo sostituirà l’Efsf. E’ nato con lo scopo di raccogliere liquidità per intervenire a difesa e a salvaguardia della moneta unica e delle economie dell’Ue-17.

ING SCOMMETTE SUL GIAPPONE NEL 2013

Fino a metà 2013 coesisterà con il fondo Efsf, che nel frattempo continuerà a sostenere con gli aiuti finanziari i pericolanti Portogallo, Irlanda e Grecia. Dopo il 30 giugno 2013 l’Efsf non potrà più avviare nuovi programmi di finanziamento. Intanto, il Giappone, attraverso le parole del neo-ministro delle Finanze, Taro Aso, ha fatto sapere che comprerà i bond emessi dal fondo Esm allo scopo di collaborare per la soluzione della crisi dei debiti europei e per stabilizzare il mercato delle valute (compreso lo yen, che il nuovo governo ha intenzione di indebolire con decisione per rilanciare l’economia nipponica).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>