Edmond de Rothschild: i benefici di fusioni e acquisizioni di commodities

di Redazione Commenta

Edmond de Rothschild Asset Management rappresenta il braccio finanziario dell’omonima compagnia parigina ed è noto soprattutto per la sua attività nell’allocazione degli assets: l’ultima analisi di questa società ha messo in luce una particolare correlazione che esiste tra il mondo degli investimenti e le operazioni di fusione e acquisizione (meglio conosciute con la sigla M&A, merger and acquisition). Entrando nel dettaglio, c’è subito da dire che i due manager francesi Raphael Dubois e Emmanuel Painchault hanno voluto analizzare con accurata minuzia le operazioni dei principali attori coinvolti nel settore delle commodities e delle risorse naturali, mettendo in luce quelle che sono le conseguenze delle continue fusioni e acquisizioni (l’ultima in ordine cronologico è quella che ha coinvolto Potash e BHP Billiton).


Ebbene, il settore dell’oro è stato il più coinvolto in tal senso, tanto che già qualche mese fa si è assistito all’importante fusione tra Newcrest Mining, big australiana attiva nella commercializzazione del biondo metallo, e Lihir Gold, mentre un altro importante business è stato quello tra Red Back e Kinross Gold, a testimonianza dell’ampio successo e della riconosciuta convenienza di queste specifiche operazioni commerciali. L’aumento di fusioni e acquisizioni è stato piuttosto evidente, ma vi sono delle ragioni precise per spiegare il fenomeno: anzitutto, le compagnie ricercano sempre nuove riserve per assicurarsi in futuro una buona crescita, così come è stato fatto dalla stessa BHP Billiton, la quale ha provveduto a diversificare le sue fonti di energia.

L’investimento finanziario beneficia e non poco di una situazione simile: il fondo Commosphere World, ad esempio, è stato collocato proprio per sfruttare nel migliore dei modi i movimenti delle aziende e trarne i benefici del caso. Da due anni a questa parte, poi, il segmento in questione è stato in grado di porre in essere una prestazione pari al +41,03%, facendo ben intendere il potenziale di un investimento nelle compagnie ad alto tasso di crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>