Ctz e Cct: rendimenti a confronto

di Fil Commenta

cct-ctz-rendimentiChi punta ad investire somme di denaro su strumenti finanziari sicuri e garantiti dallo Stato, anche a fronte di un rendimento basso, ha sostanzialmente quattro possibilità di scelta tra Bot, Btp, Cct e Ctz. Negli ultimi tempi, il Bot, sia con scadenza trimestrale, sia semestrale o annuale, rende così poco che, togliendo le tasse e le commissioni bancarie, gli interessi netti percepiti su base annua sono risibili. Il Btp, invece, offre rendimenti più elevati all’aumentare della scadenza del titolo stesso, ma contestualmente ci si espone ai rischi di oscillazioni di prezzo che di norma Btp con scadenza a dieci, venti o trenta anni fanno registrare anche nel breve e nel brevissimo periodo. Di conseguenza, al fine di ottenere rendimenti più elevati, a fronte di un minor rischio legato alle oscillazioni di prezzo sul mercato, può essere interessante l’investimento in Cct oppure in Ctz.

I Cct, in particolare, sono titoli a tasso variabile, indicizzati ai Bot, che offrono una cedola semestrale data dal rendimento dei Buoni Ordinari del Tesoro più uno spread; trattasi di titoli acquistabili anche sulle lunghe scadenze. Ad esempio, in questo momento la scadenza più lunga per i Cct sul mercato è quella del Cct 1 luglio 2016, che quota attualmente sotto la pari, offre un rendimento più elevato rispetto a quello dei Bot e, soprattutto, non presenta le ampie oscillazioni di prezzo che può avere un Btp con la stessa scadenza.

Se invece puntate sul tasso fisso, ma volete guadagnare un po’ di più rispetto ai Bot, allora la possibile soluzione di investimento può essere rappresentata dai Ctz, i Certificati di Credito del Tesoro “zero coupon”, i quali, all’emissione, non sono altro che degli strumenti finanziari assimilabili in tutto e per tutto ai Bot con scadenza biennale. Ad esempio, in questo momento sul mercato il Ctz con scadenza più lunga è il Ctz 30 settembre 2011, con codice ISIN IT0004536931, e prezzo pari a 97,20 corrispondente a quello ufficiale di chiusura di ieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>