Stm rating tagliato da S&P a BBB

di ND82 Commenta

 Giornata negativa a Piazza Affari per il titolo STMicroelectronics, che paga il downgrade di Standard & Poor’s. L’agenzia di rating ha deciso di abbassare il giudizio sul merito di credito del colosso dei chip a BBB da BBB+, confermando l’outlook negativo. Ciò vuol dire che l’agenzia di rating ha lasciato aperte le porte per eventuali nuovi downgrade nei prossimi mesi. A Piazza Affari le azioni del gruppo italo-francese mostrano una perdita dello 0,76% a 5,255 euro, in una giornata complessivamente positiva per le borse grazie al possibile accordo sul fiscal cliff negli Stati Uniti.

Secondo gli esperti di S&P, il gruppo attivo nel settore dei semiconduttori evidenzierà ricavi, ebitda e cash flow significativamente al di sotto delle precedenti previsioni sia nel 2012 che nel 2013. L’outlook negativo potrebbe portare a nuovi declassamenti, soprattutto se l’uscita dalla joint venture St-Ericsson dovesse avere un impatto negativo sulla posizione finanziaria netta del gruppo, che al 30 settembre scorso era pari a 1,6 miliardi di dollari. Secondo gli specialisti di S&P per ora l’indebitamento del gruppo resta sotto controllo.

L’uscita dalla jv St-Ericsson dovrebbe concretizzarsi entro il primo trimestre del 2013, come previsto dal nuovo piano industriale. Altri punti focali del piano sono il raggiungimento di un margine operativo del 10% entro il 2014 e la riorganizzazione della strategia di impresa, con maggiore enfasi sulla riduzione del rischio societario e sulla focalizzazione nel segmento dei chip per l’automotive e per il Sense&Power. La bocciatura di S&P fa seguito a quella avvenuta solo pochi giorni fa con il downgrade di Moody’s, che ha abbassato il rating a Baa2 da Baa1 con outlook stabile.

La decisione di Moody’s è stata giustificata dall’impatto modesto rispetto alle attese del miglioramento delle attività interamente controllata da Stm e della joint venture St-Ericsson. L’agenzia di rating sottolinea che la decisione di uscire dalla jv è positiva e avrà un impatto positivo sulla posizione finanziaria del gruppo, ma fin quando ciò non avverrà concretamente ci saranno sempre pressioni sui margini operativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>