Spagna sull’orlo del collasso?

di Francesco 1

Situazione difficile in Spagna. Secondo Rehn (Commissario Europeo agli Affari Monetari): La Spagna è in una situazione molto difficile. Ma dall’altra parte il Paese ha molti punti di forza e ora è importante che continui con coerenza a migliorare la sostenibilità delle proprie finanze pubbliche e stimolare le riforme che aiuteranno la crescita economica e l’occupazione nel Paese.

Con queste parole fa’ il punto della situazione a Copenaghen nell’incontro con i ministri delle Finanze. E mentre gli investitori si preoccupano sull’andamento dello spread con il Bund tedesco, nel Paese esplode lo sciopero che a detta degli stessi manifestanti, è un’urlo sordo.

Lo sciopero generale in corso contro la riforma del lavoro sembra non essere ascoltato da nessuno, anche se i manifestanti sanno bene il loro valore. Con un tasso di disoccupazione del 23% il Paese è molto vicino alla caduta in un tunnel da cui ne potrà uscire solo come la Grecia (cioè con un default controllato), ma i manifestanti lo sanno e per questo scendono in Piazza rivendicando il diritto al lavoro e presentandosi come la risposta alla crisi; senza i lavoratori che oggi sono più che mai demoralizzati e si trascinano in uno sciopero in cui quasi non credono più neanche loro, il Paese sparirebbe e poco importerebbe dell’esistenza di un fondo salva-stati, della Commissione Europea, dei mercati finanziari e quant’altro.

LA CRISI ECONOMICA SPAGNOLA

Se ora il pericolo Grecia è sventato (o meglio, è “controllato”) si fa’ avanti un altro spettro nell’area Euro e si chiama Spagna; questo Paese probabilmente sarà al centro delle prossime decisioni a livello Europeo, visto che come l’Eurozona si è fatta carico di risolvere la crisi Greca, molto probabilmente ora si farà carico di risolvere la situazione di un Paese prossimo alla deriva come la Spagna.

In Italia intanto si ringrazia Monti, grazie a cui ci siamo allontanati dalla candidatura come “nuova Grecia in Europa” guadagnata con il precedente Governo, anche se il lavoro da fare è ancora molto.

FONDO SALVA-STATI DA 1100 MILIARDI DI DOLLARI

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>