Qatar Airways investe e lancia AirItaly

di Valentina Cervelli Commenta

Qatar Airways investe nella vecchia Meridiana e fa rinascere dalle sue ceneri AirItaly, un vettore deciso a uscire dal settore charter per divenire una delle compagnie aeree più di successo del nostro paese. Qualcosa che dovrebbe far tremare Alitalia.

Questo perché crescendo la competizione potrebbero crescere anche difficoltà nella vendita. Quello che appare evidente, tra le cose dette ufficialmente e le indiscrezioni ufficiose, è che la nuova compagnia nata sulle ceneri di Meridiana è intenzionata a “diventare grande” in Italia: non si possono mettere da parte praticamente 50 anni di esistenza sotto diverso nome. L’esperienza, unita all’investimento ed al know how di Qatar Airways (con il suo 49%), promettono cambiamenti interessanti. Il primo senza dubbio quello che vede lo spostamento della gestione e dell’hub dalla Sardegna a Malpensa: una centralità che darà i suoi frutti.

Non si sa quanto la società del Qatar abbia effettivamente investito sul vettore italiano: quello che è certo è che il piano industriale sembra essere stato messo a punto per far uscire lo stesso indenne dalla crisi del settore e perché no, rendere possibile una conquista del “monopolio”  del mercato di riferimento. Quel poco che si sa al momento punta in quella direzione: 1500 nuove assunzioni e dal 2019 l’ingresso nella flotta aerea dei nuovissimi Boeing 787 Dreamliner. AirItaly usufruirà inizialmente degli Airbus A330-200, messi a disposizione da Qatar Airways, (24 poltrone di business e 236 di economy con wi-fi on board e 31 pollici di spazio per passeggero) ma solo per poco tempo:l’obiettivo è quello di portare la compagnia aerea italiana ad acquistare i suoi velivoli e divenire una compagnia “premium” con tutto quello che questo sottintende. Puntando anche ad investimenti sul personale in materia di benefit ed incentivi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>