Ancora performance positive per i futures sul rame

di Redazione Commenta

Passano i mesi ma la situazione non cambia: se a fine settembre si era registrato un rialzo consistente per i futures sul rame, questi ultimi contratti sono risultati nel corso della giornata di ieri in crescita per il terzo giorno consecutivo. La propensione verso gli investimenti è sensibilmente migliorata grazie alla pubblicazione di un report ben preciso, il quale ha messo in luce come il settore manifatturiero della Cina abbia aumentato la propria produzione a ottobre per la prima volta dopo un intero trimestre. Di conseguenza, il Comex di New York ha evidenziato uno scambio dei futures in questione (spedizioni del prossimo mese di dicembre) a quota 3,541 dollari l’oncia, con un aumento complessivo di 0,65 punti percentuali.

La scorsa settimana, invece, era stata caratterizzata da una risalita fino a 3,482 dollari la libbra, vale a dire il livello più basso in assoluto dallo scorso 5 settembre. D’altronde, questo 2012 ha riservato finora delle soprese positive per tali prodotti, basti pensare al mese di maggio, quando si parlava dei futures sul rame e del loro aumento nei giorni successivi. Il report menzionato in precedenza è quello reso pubblico dalla China Federation of Logistics and Purchasing, vale a dire la federazione cinese che si occupa di logistica e acquisti in generali, secondo cui l’indice manifatturiero dell’ex Impero Celeste ha fatto registrare il suo livello massimo delle ultime tre settimane, con una espansione significativa anche su base mensile.

Anche la banca Hsbc aveva parlato di recente di progressi incoraggianti per quel che concerne il manifatturiero della seconda economia mondiale. La Cina rappresenta il primo consumatore al mondo di rame, dunque è più che normale che i futures ne risentano in maniera tanto evidente. Una ulteriore influenza potrebbe ora essere esercitata dai dati americani sull’occupazione di tipo non agricolo, senza dimenticare le stime sulla disoccupazione e quelle sul manifatturiero statunitense, a cura dell’Institute of Supply Management.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>