Investire a rate: il PAC, piano di accumulo capitale

di Redazione Commenta

Il PAC, piano di accumulo capitale, può rappresentare un servizio di investimento ideale per chi non dispone di importanti somme di denaro iniziali e che vuole costruirsi un capitale per le più diverse finalità, da utilizzare come anticipo per l’acquisto di un immobile e per poter quindi accendere un mutuo, oppure per la costituzione della propria liquidazione o pensione piuttosto che da destinarsi allo studio dei propri figli o più semplicemente per comprare un automobile.
Il meccanismo che sta alla base di questo servizio è l’investimento a rate ossia l’acquisto periodico e sistematico delle quote di uno o più fondi comuni di investimento per un intervallo di tempo che viene definito all’inizio del piano.

Considerando che il valore delle quote di un fondo varia tutti i giorni in funzione delle oscillazioni dei mercati, questo sistema durante la fase di accumulo consente di beneficiare soprattutto dei momenti di ribasso poiché è maggiore il numero di quote acquisite.
In questo modo mediando il prezzo di acquisto è possibile realizzare delle performance di rendimento interessanti anche qualora le quote del fondo accumulate dovessero essere vendute ad un prezzo inferiore rispetto a quello del primo acquisto.

Esempio

mese importo valore quota quote acquistate
gennaio 100€ 5€ 20
febbraio 100€ 2€ 50
marzo 100€ 4€ 25
aprile 100€ 5€ 20
maggio 100€ 4€ 25

totale investito= 500€
totale quote= 140
prezzo medio quota= (5+2+4+5+4)/5=4€
costo medio quota=totale investito/totale quote=500/140=3,57€

Nell’esempio vendendo le quote ad un valore (4€) inferiore rispetto al prezzo del primo acquisto (5€) si realizza un importo di 560€ con un guadagno di 60€ rispetto al capitale totale investito di 500€

La scelta del fondo comune di investimento deve essere fatta ovviamente in funzione dell’orizzonte temporale stabilito: storicamente se si hanno a disposizione almeno 10-12 anni gli accantonamenti in fondi azionari sono quelli che possono dare più soddisfazioni altrimenti se si sa a priori che il tempo di attesa oscilla tra i 5 e i 7 anni ci si può orientare verso i fondi obbligazionari. Tutto questo ovviamente è subordinato a quelle che sono le caratteristiche dell’investitore: se non si è disposti a tollerare le intemperanze dei mercati obbligazionari e men che meno quelle dei mercati azionari perché giudicati troppo rischiosi, è comunque possibile scegliere il settore meno performante ma più prudente del mercato monetario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>