Quali sono gli investimenti che assicurano la tranquillità

di Marco Preziosi Commenta

 I piani di accumulo sono gli strumenti migliori per coloro che desiderano investire somme basse in modo graduale e contare su una entrata sicura. Sono ideali per coloro che desiderano realizzare un capitale nel lungo periodo mettendo da parte piccole cifre progettando le entrare e le uscite. Piccoli investimenti che danno la possibilità di risparmiare e investire senza rischiare troppo.

Quali vantaggi offre un fondo comune di investimento?

I Piani di accumulo, chiamati Pac, sono dei piani di investimento in fondi comuni che vengono utilizzati per mettere da parte un capitale che aumenta nel corso del tempo. La somma da accumulare di rata in rata è stabilita dalle opportunità del risparmiatore; dal capitale che si vuole raggiungere al termine dei versamenti.

Vendere la Nuda Proprietà, un fenomeno in crescita
Il risparmiatore può mettere mensilmente piccole somme; l’ammontare e l’ uniformità dei versamenti è una propria scelta; esistono piani di accumulo con differenti classi di rischio; il capitale risparmiato aumenta senza bisogno di grandi sacrifici; si può avere il proprio capitale senza problemi e in breve tempo; può essere sospeso o interrotto senza penali.
Il meccanismo del Pac è facile. Si investe un importo stabilito a scadenze stabilite per un determinato periodo in un prodotto finanziario. La scelta va sui prodotti sui quali si vuole investire periodicamente i risparmi, titoli di Stato, obbligazioni o anche azioni, mediante l’acquisto di quote di fondi comuni d’investimento.
L’obiettivo fondamentale del Pac è di diminuire il rischio di investimento legato al timing. Scaglionando il tempo dell’investimento, infatti, si riduce la possibilità che la volatilità dei mercati incida negativamente, quindi garantisce ottimi risultati in termini di rapporto rischio/rendimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>