Quali vantaggi offre un fondo comune di investimento?

di Marco Preziosi Commenta

 Uno dei maggiori e più importanti strumenti di raccolta del risparmio e di intermediazione finanziaria, sono i cosiddetti Fondi Comuni di Investimento. Vediamo quali sono le principali caratteristiche di questi prodotti.I fondi comuni di investimento sono ritenuti come degli strumenti di intermediazione finanziaria la cui finalità  è di conseguire una raccolta di liquidità da tanti risparmiatori, in modo tale da far conseuire un guadagno sia per gli investitori, sia per i gestori del fondo, per mezzo di una gestione di una serie di portafogli.

>Quali sono le previsioni sui mercati azionari per il 2014?

Gli elementi dei fondi comuni di investimento

Un fondo comune d’investimento è composto da di 3 elementi:

  1. – i fondisti, i risparmiatori che immettono il capitale nelle attività del fondo sottoscrivendo quote con i propri capitali;
  2. – le società di gestione, chi gestisce le attività del fondo, avviandolo, stabilendone il regolamento e gestendo materialmente il portafoglio;
  3. – le banche depositarie, che devono custodire i titoli del fondo e tenere in cassa le disponibilità liquide. Le tipologie di fondi di investimento

>Bitcoin, la moneta del futuro?

Scendendo nello specifico dell’argomento, troviamo tre  categorie di fondi: fondi azionari, fondi obbligazionari e fondi bilanciati. il primo settore investono per lo più  in azioni e obbligazioni convertibili e di solito hanno un livello di rischio più elevato, ma garantiscono rendimenti più elevati. I fondi obbligazionari invece comprano soprattutto obbligazioni ordinarie e titoli di Stato, e presentano  una rischiosità più contenuta,  ma al contempo corrispondono una minore garanza di profitto. Invece nei  fondi bilanciati c’è un equilibrio tra più forme di investimento.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>