Fondi Comuni di Investimento: commissioni e performance

di Fil Commenta

fondi-comuni-performanceI Fondi Comuni di Investimento rappresentano una delle più note forme di allocazione del risparmio da parte di investitori che, in base al loro profilo di rischio, acquistano le quote di uno o più Fondi Comuni che operano, sulla base di un preciso regolamento ed indirizzo di gestione, su uno o più mercati con l’obiettivo di creare valore per il sottoscrittore, nel medio e nel lungo periodo, e di “battere il mercato” conseguendo dei rendimenti superiori a degli indicatori di riferimento. I Fondi Comuni di Investimento si possono suddividere in tre grandi categorie: azionari, che investono in titoli di società quotate in uno più Paesi, obbligazionari, che investono su titoli pubblici e/o obbligazioni societarie, e quelli bilanciati che, in base alla politica di investimento, hanno in portafoglio un mix tra azioni ed obbligazioni in funzione di ben determinate sogli percentuali alle quali di norma il Fondo, per regolamento, deve sottostare.

Rispetto al passato, oramai in Italia è possibile accedere ad una gamma molto ampia di Fondi Comuni di Investimento che si distinguono sia per il loro profilo di rischio, sia per il settore nel quale operano. Ad esempio, ci sono Fondi Comuni di Investimento che investono sui mercati di tutto il mondo, ma anche Fondi Comuni di Investimento che limitano il campo ai Paesi dell’Est Europa, all’America latina oppure ancora al solo mercato nordamericano. Ma quanto costano i Fondi Comuni di Investimento?

Ebbene, i Fondi possono prevedere o meno le seguenti tipologie di commissioni: la commissione di sottoscrizione, detta anche commissione di ingresso che il risparmiatore paga all’atto della sottoscrizione delle quote; se invece il Fondo non prevede commissioni di ingresso, allora questo si definisce come “no load“. Poi c’è la commissione di gestione, prevista praticamente su tutti i Fondi Comuni di Investimento, che è quella che il Fondo trattiene ogni anno a seguito dell’attività di gestione; inoltre, specie per i Fondi con un più elevato grado di rischio, può essere prevista anche la cosiddetta commissione di performance che il Fondo trattiene nel caso in cui i rendimenti ottenuti dal Fondo stesso superino dei parametri prestabiliti. Per quanto riguarda il prezzo delle quote dei Fondi, questo può essere giornalmente consultato sui principali quotidiani a tiratura nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>