Ferragamo si espande in Cina

di robertor Commenta

Buone notizie per Ferragamo, noto brand del fashion made in Italy. La società sta infatti perseguendo un importante percorso di sviluppo nella macro area cinese, rafforzando la propria presenza e aumentando la partecipazione in alcune società distributive nazionali. Stando a una nota diffusa ieri dal gruppo, i primi nove mesi del 2012 si sarebbero conclusi con ricavi per 832,6 milioni di euro (+18,7 per cento su base annua).

Secondo quanto riportava venerdì 4 gennaio 2013 Milano Finanza, in un articolo a firma di Chiara Bottoni, la società “ha reso noto di aver portato la propria partecipazione nelle società distributive già attive nel mercato strategico della Greater China dal 50 al 75%. Questo in attuazione dei precedenti accordi contrattuali siglati con Imaginex holdings ltd con Imaginex overseas ltd, società fondate e capitanate da Peter Woo e parte di The Lane Crawford Joyce group. Risale infatti al marzo del 2011 la firma di un accordo con Woo, che allora entrò nel capitale dell’azienda pre quotazione con una quota dell’8% divenuta
del 6% nel post quotazione, per permettere al gruppo Ferragamo di crescere nella proficua joint venture” (vedi anche Cina supererà l’Europa nella produzione di auto nel 2013).

Ovviamente soddisfatto il top management della società, che in una nota affermava che “a proseguimento della lunga partnership con Imaginex, il gruppo Ferragamo, che è già presente con oltre 100 punti vendita monomarca nei territori di Cina, Hong Kong,Taiwan e Macao, ha rinnovato gli accordi di distribuzione fino al 31 dicembre 2019″.

Poche settimane fa, invece, l’annuncio ufficiale di un’altra importante transazione, relative all’acquisto di una nuova quota in alcune società di distribuzione che operano in joint venture sui mercati di Corea e Sudest asiatico, per un valore complessivo di 19,4 milioni di euro. Una transazione che, unitamente a quella più recente, conferma l’incredibile importanza che il mercato asiatico riveste per le strategie di gruppo (vedi anche Investimento cinese per Club Med).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>