Edison: dividendo e prospettive 2010

di Fil 1

 Il Consiglio di Amministrazione di Edison, in concomitanza con l’esame del bilancio 2009, ha reso noto che proporrà all’Assemblea degli azionisti la distribuzione di un monte dividendi pari a complessivi 228,21 milioni di euro rispetto ai 268 milioni di euro del 2008; in particolare, la proposta, soggetta all’approvazione da parte dell’Assemblea, è di 0,0425 euro per le azioni ordinarie Edison rispetto ad un dividendo di 0,05 euro distribuito nel 2008, mentre per le azioni Edison di risparmio il dividendo proposto è di 0,0725 euro rispetto ai 0,08 euro per azione di risparmio distribuiti nel 2008. Per entrambe le tipologie di azioni, lo stacco della cedola è fissato per il prossimo 12 aprile con data di pagamento agli azionisti fissata per il 15 aprile del 2010. Per quanto riguarda l’evoluzione prevedibile della gestione per l’anno in corso, Edison ha reso noto che la domanda sia di gas, sia di energia elettrica, quest’anno sarà migliore, anche se marginalmente, rispetto al 2009, ma in ogni caso i livelli sono inferiori a quelli registrati nel periodo antecedente alla crisi.

In ogni caso, nonostante il permanere di una situazione di mercato incerta, Edison prevede di riportare per l’anno in corso dei risultai annuali in linea con il precedente esercizio grazie anche alla politica di investimenti già effettuata ed a quella prevista nel breve termine. Nel dettaglio, il 2009 è stato archiviato da Edison con un EBITDA pari a 1.471 milioni di euro, ovverosia sugli stessi livelli del 2008 considerando la parità di perimetro nonché l’esclusione degli effetti non ricorrenti.

Questo nonostante nel 2009 ci sia stato sia un calo della domanda di energia, sia una contrazione dei prezzi di riferimento: nel dettaglio, la domanda di gas è scesa dell’8,1% e quella di energia elettrica del 6,7% rispetto al 2008, così come le quotazioni medie del Brent, in un contesto di forte volatilità, si sono attestate in media a $ 63 al barile con un calo del 36% rispetto alla media dell’anno precedente.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>