Deutsche Bank continuerà a investire sulle commodities agricole

di Redazione Commenta

Deutsche Bank ha deciso di continuare a fornire prodotti di investimento legati alle materie prime agricole: la decisione dell’istituto di credito di Francoforte è giunta dopo che si è accertata l’assenza di collegamenti tra esse e il recente aumento dei prezzi delle commodities stesse. Come ha spiegato il gruppo teutonico, non c’è alcuna evidenza circa il fatto che la speculazione è stata responsabile degli sviluppi tariffari in questione. Certo, si può parlare di un contributo per quel che concerne la volatilità e in determinate condizioni, ma ci sono anche altre ragioni per quest’ultima.

I prezzi mondiali del cibo che sono registrati dalla Fao (Food & Agricultural Organization) sono più che raddoppiati nel giro di un decennio. In base ai dati forniti dal Dipartimento di Stato americano, inoltre, i picchi più consistenti di tali rincari si sono verificati tra il 2007 e il 2009. Le precisazioni di Deutsche Bank non sono casuali. In effetti, lo scorso mese di ottobre Foodwatch ha affermato che la banca tedesca e altre compagnie finanziarie devono considerarsi responsabili parziali per la speculazione agricola a cui si sta facendo riferimento. Tre mesi fa, l’amministratore delegato Josef Ackermann spiegò come l’istituto avrebbe esaminato a fondo il suo business delle commodities agricole, in modo da assicurare anche la pur minima correzione.

Il top management è convinto che si debba continuare a emettere e negoziare fondi e altri prodotti di tale tipo in futuro, nel pieno rispetto del principio della sostenibilità. Anche un colosso alimentare come la Nestlè ha sottolineato come la speculazione non sia l’unico fattore alla base degli alti prezzi. Rimane il fatto che tale fenomeno non va né ignorato né sottovalutato, altrimenti si rischia di peggiorare ulteriormente la situazione. La crisi economica fa sì che il contributo alla volatilità da parte di strumenti come gli hedge fund e i contratti futures (prodotti speculativi appunto) sia determinante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>