Come guadagnare sui mercati finanziari nel 2013 secondo Pictet

di Redazione Commenta

Nei prossimi anni è opinione comune tra la maggior parte dei gestori internazionali che i rendimenti tenderanno a scendere in quasi tutte le classi di investimento, a causa dell’azione delle banche centrali che resterà incisiva per supportare la ripresa economica e dell’occupazione. Per far fronte al calo strutturale delle cedole delle obbligazioni governative e delle emissioni societarie sarà necessario inserire nel proprio portfolio più azioni e bond ad alto rendimento. E’ questa la ricetta presentata da Pictet, per mantenere un portafoglio bilanciato con rischio e volatilità contenuti.

Secondo Andrea Delitala, responsabile del team di consulenza alle scelte di portafoglio di Pictet a Milano, è necessario modificare l’approccio agli investimenti in uno scenario di mercato caratterizzato da un costante calo dei rendimenti. Secondo l’esperto un portafoglio bilanciato che ha fatto molto bene quest’anno grazie alle performance di reddito fisso e azionario, il prossimo anno potrebbe rendere anche quasi tre volte in meno. Il ridimensionamento delle performance non deve, però, spaventare gli investitori.

AZIONI ITALIANE CON I MIGLIORI DIVIDENDI 2012

Infatti, la volatilità di portfolio potrebbe scendere nei prossimi mesi, in un contesto caratterizzato da un’inflazione sotto controllo in media intorno al 2% nella zona euro. L’esperto sottolinea come negli ultimi mesi “lo scenario economico e le stesse strategie di investimento sono state trasformate radicalmente dalle politiche di quantitative easing, vale a dire dall’immissione di un altissimo volume di liquidità nel sistema economico da parte delle banche centrali di tutto il mondo allo scopo di contrastare la recessione e la crisi economica”. Secondo gli analisti finanziari si andrà sempre più incontro ad uno scenario di financial repression, con rendimenti reali in calo su tutte le attività finanziarie.

AZIONI ITALIANE SOTTOVALUTATE DA COMPRARE NEL 2013

Per combattere il contesto di financial repression, che comunque dovrebbe generare una diminuzione della volatilità sui mercati, l’esperto di Pictet suggerisce di diversificare il portfolio attraverso una maggiore esposizione in attivi rischiosi: azioni europee, azioni americane, bond ad alto rendimento, obbligazioni di paesi emergenti (in valuta e non). In questo modo l’esperto ritiene che sarà possibile spuntare rendimenti superiori, anche se la percezione del rischio dovesse andare davvero in letargo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>