Cat Bond di Munich Re per gli uragani del North Carolina

di Redazione Commenta

Munich Re, una delle maggiori compagnie di riassicurazione al mondo, sta progettando l’emissione di un nuovo Catastrophe Bond attraverso uno specifico veicolo finanziario. Il gruppo tedesco lancerà tale strumento per proteggere due associazioni dello stato del North Carolina contro le perdite da duecento milioni di dollari provocate dagli uragani. L’agenzia Standard & Poor’s ha già assegnato un rating pari a B+ alla serie di un’altra società attiva nello stesso comparto, la Tar Heel Re Limited, la quale ha focalizzato l’attenzione sulla stessa regione.

In pratica, la divisione americana della Munich Re provvederà ad acquistare da quest’ultima compagnia la riassicurazione, trasformando i ricavi dell’emissione obbligazionaria in un accordo per gli enti citati in precedenza. Si tratta della prima volta in assoluto che una transazione nuova di zecca si rivolge al mercato sfruttando il modello degli uragani americani per quel che riguarda la società di analisi Rms. Le perdite provocati da questo evento meteorologico sono talmente particolari che lo rendono molto più costoso rispetto ad altri per le compagnie assicurative e riassicurative. Entrando maggiormente nello specifico, si sta parlando del quarto Cat Bond che Munich Re emette per coprire una situazione del genere (vedi anche Munich Re propone un Cat Bond con scadenza nel 2015), ma il primo che si avvale della collaborazione di Tar Heel Re come veicolo.

Questa nuova offerta andrà a rimpiazzare la copertura ormai giunta a scadenza relativa a un altro Cat Bond, anch’esso previsto dal programma di Johnston Re, visto che il prossimo mese di maggio sarà l’ultimo disponibile per la fruizione. Anche Swiss Re è stata protagonista di obbligazioni dello stesso tipo. Quando si emettono Cat Bond, i prodotti in questione sono in grado di garantire un interesse davvero molto generoso, ma nel caso in cui la catastrofe dovesse verificarsi, allora il capitale non sarà pagato in tutto o in parte. I soldi incassati dall’emittente serviranno per pagare i danni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>