Bbva: il rating dei covered bond è stato ridotto

di Simone Commenta

Non è un bel periodo quello che vive Bbva, una delle principali realtà creditizie della penisola iberica: il Banco Bilbao Vizcaya Argentaria è infatti alle prese con una valutazione non troppo incoraggiante per quel che concerne i propri titoli obbligazionari, in particolare i cosiddetti covered bond. Questi ultimi, conosciuti anche con la denominazione nostrana di “obbligazioni garantite”, sono dei titoli che si basano essenzialmente sulla garanzia della loro emissione e sono volti a finanziare un determinato tipo di progetto. Ebbene, la celebre agenzia di rating Standard & Poor’s ha deciso di ridurre il giudizio relativo a questo investimento, il quale si riferisce ai prestiti concessi al settore pubblico dalla banca dei Paesi Baschi: la valutazione in questione, infatti, è scesa da AAA ad AA+ (da una affidabilità massima a una ottima). Che cosa è successo esattamente?


Le motivazioni stanno tutte nei nuovissimi criteri che vengono usati dall’agenzia per valutare prodotti simili, soprattutto quelli che appartengono al settore pubblico; nello specifico, i covered bond non possono ottenere un rating che sia superiore di un livello rispetto a quello assegnato per il debito sovrano del paese di appartenenza, in questo caso la Spagna. Quindi, non è difficile immaginare come, partendo dal rating del debito iberico, il quale è attualmente pari ad AA, la precedente valutazione (AAA) è superiore di ben due gradini, mentre AA+ risponde pienamente ai nuovi requisiti citati in precedenza.

Il gruppo, il quale vanta una fortissima connotazione regionale (la sede principale si trova a Bilbao), ma la sua presenza in Italia e in Portogallo, nonché in una vasta parte del Mediterraneo, non è da meno. Gli obiettivi di breve termine riguardano, in particolare, il continente asiatico, con la Cina e Hong Kong nel mirino. L’espansione internazionale può dunque riservare maggiori soddisfazioni che non quelle che si ottengono in patria, pertanto ci si può attendere un buon sviluppo degli assets finanziari esteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>