Fondi comuni: EstCapital investe su Venezia

di Redazione Commenta

Spread the love

Una società padovana che punta sullo sviluppo immobiliare di Venezia potrebbe stupire qualcuno, ma in realtà è quanto sta accadendo per un fondo comune del nostro paese: in effetti, Est Capital, società di gestione del risparmio con sede nella città veneta ha proprio dato vita al Fondo Immobiliare – Città di Venezia. In pratica, si tratta di un vero e proprio concorso, il quale è stato ideato dalla compagnia in questione come fondo chiuso, con l’intento specifico di intervenire a livello residenziale sulla laguna, oltre che a valorizzare le proprietà di maggiore rilievo. Il tutto, inoltre, viene premiato con ben 12.500 euro. Si conoscono già i nomi dei vincitori, vale a dire gli architetti Magnani e Agnoletto. La scelta è ricaduta dunque su chi ha meglio progettato le modifiche e le riqualificazioni delle aree più importanti dal punto di vista del real estate.


Il risparmio energetico è stato un altro elemento determinante per la selezione dei vincitori menzionati in precedenza. In particolare, è stata apprezzata soprattutto la qualità dei progetti in questione: in effetti, una certa attenzione è stata rivolta nei confronti della sostenibilità ambientale e degli aspetti collegati al paesaggio e all’urbanismo. Volendo essere più precisi, cerchiamo di comprendere perché il fondo comune si è focalizzato su questi due architetti. Magnani ha ricevuto il premio per la sua tecnica di costruzione degli immobili in legno; in questo caso, infatti, si può inquinare di meno grazie a materiali riciclati o anche naturali.

La proposta di Agnoletto, invece, è andata a focalizzarsi su una vera e propria sovrapposizione di pannelli dotati di un numero molto ampio di strati: l’impatto ambientale è ugualmente molto basso, ma bisogna anche aggiungere che si può ottenere un ottimo isolamento dal punto di vista acustico e termico. Ora sarà un compito specifico di EastCapital valutare le reali opportunità economiche delle due idee, in modo da valorizzarle nel migliore dei modi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>