Assicurazioni Generali: raccolta premi 2009 supera i 70 miliardi di euro

di Fil Commenta

 Si è chiuso positivamente il 2009 per il colosso assicurativo europeo Generali. La società, infatti, ha comunicato in data odierna i dati di produzione 2009, caratterizzati, grazie sia alla diversificazione distributiva, sia a quella geografica, da una raccolta premi che, con un +6,2%, ha superato il livello dei 70 miliardi di euro. Più elevata, con un robusto +9,5%, è stata la crescita del settore vita con risultati positivi sia nei Paesi ad economia matura, sia in quelli Emergenti; ottimo è stato il dato sulla raccolta netta vita che è più che raddoppiata a 16 miliardi di euro, mentre a 5,2 miliardi di euro, con un +3,8%, si è attestato il valore della nuova produzione vita. Per quanto riguarda invece il settore danni, nonostante il contesto macroeconomico non favorevole, i premi con un -0,5% a 21,6 miliardi di euro hanno fatto registrare dei buoni segnali di stabilità.

Per quanto riguarda la ripartizione geografica dei premi lordi vita 2009, le Assicurazioni Generali hanno conseguito una crescita in termini omogenei del 16,9% in Francia, grazie ai premi unici, e del 4,3% in Germania; nei Paesi CEE la crescita è stata del 4,7% mentre in Italia l’incremento è stato pari ad appena lo 0,4%. Modeste rispetto al 2009 sono state lo scorso anno, invece, le variazioni in termini omogenei per quel che riguarda i premi lordi del ramo danni: c’è stata infatti una crescita dello 0,7% in Francia ed un calo in Germania (-0,9%), area CEE (-1%) ed Italia (-1,9%).

Entrando maggiormente nel dettaglio per quel che riguarda il ramo danni 2009, Assicurazioni Generali ha conseguito una crescita della raccolta dei rami non auto dello 0,6% in termini omogenei, grazie soprattutto al comparto retail in Italia ma anche in Svizzera, Austria, Francia e Germania, mentre quella del ramo auto è scesa del 2,4% per effetto sia dell’andamento delle tariffe, in particolar modo sui primi nove mesi dello scorso anno, sia a causa del calo delle nuove immatricolazioni di veicoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>