Unicredit: fusione sette società controllate

Spread the love

E’ stato firmato nella giornata di ieri, martedì 19 ottobre 2010, a Torino, l’atto di fusione che dà piena efficacia alla fusione in Unicredit SpA di ben sette società controllate dal Gruppo bancario nell’ambito del cosiddetto progetto denominato “Insieme per i Clienti”. Il progetto, in accordo con quanto già reso noto nei mesi scorsi da Unicredit alla comunità finanziaria, permetterà da un lato di poter semplificare la struttura societaria, e dall’altro di andare ad incrementare ulteriormente il grado di soddisfazione dei clienti attraverso una maggiore vicinanza ai territori. “Insieme per i Clienti” non è altro che un modello divisionale che nel nostro Paese vede la suddivisione della clientela in quattro fasce. In “Famiglie” rientrano i clienti che hanno patrimoni fino a 500 mila euro; “Private” per i clienti con patrimoni sopra i 500 mila euro; “PMI” è per le imprese che annualmente hanno un fatturato inferiore ai 50 milioni di euro, mentre “Corporate” è il segmento di clientela business con patrimoni oltre i 50 milioni di euro.

Nell’ambito di “Famiglie” e “PMI“, in accordo con una nota ufficiale emessa da Unicredit, il Gruppo bancario servirà ben 9 milioni di clienti, di cui 8 privati ed 1 milione di clienti business, mentre “Corporate” si occuperà di servire ben 19 mila aziende di medie e grandi dimensioni. Attraverso una rete composta da 780 gestori, invece, “Private” è la divisione dedicata per altri 160 mila clienti.

Secondo quanto dichiarato dal Presidente di Unicredit, Dieter Rampl, la fusione in Unicredit SpA di sette società controllate semplifica la struttura organizzativa a fronte di una governance più efficace che rappresenta per un Gruppo internazionale come Unicredit un elemento fondamentale.

Allo stesso modo, l’Amministratore Delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni, ha sottolineato come con “Insieme con i Clienti” Unicredit confermi la volontà di mettere sempre al centro il cliente andando a coniugare al forte radicamento territoriale anche la specializzazione del business.

Lascia un commento