Truffe Bitcoin, attenzione agli spot ingannevoli

di Valentina Cervelli Commenta

Truffe Bitcoin? Purtroppo diffuse. Un professore di Padova è stato truffato per ben 370 mila euro: oggetto dell’atto delinquenziale i Bitcoin. Una storia che fa riflettere, soprattutto sulla necessità di essere davvero preparati quando ci si avvicina al mondo delle criptovalute.

Perse decine di migliaia di euro

Il caso nello specifico è di quelli che fanno piangere il cuore. Un docente dell’Università di Padova ha praticamente perso i risparmi di una vita investendo in un progetto che sembrava avere tutte le carte in regola. Ad attirarlo verso di esso uno spot presente su uno dei maggiori quotidiani nazionali, legato all’immagine di un noto chef italiano. Quando si decide d’investire in Bitcoin o in qualsiasi altre valuta bisogna ricordare che si parla di un bene spesso molto volatile e che le perdite possono essere dietro l’angolo.

Non è quindi la perdita di per sé a dare eccessivo scandalo perché nel momento in cui si investe in Bitcoin si deve essere consci dei rischi che si possono correre. Ma il fatto che la società d’investimento straniera alla quale il professore si era affidato ha praticamente interrotto qualsiasi comunicazione.

L’uomo non ha potuto fare altro che presentare alla Guardia di Finanza una denuncia per truffa, dando modo alle forze dell’ordine di potersi muovere per risolvere la questione.

E’ importante sottolinearlo: in questi casi molto difficilmente si riesce a recuperare la cifra perduta e nel caso questo divenisse possibile, i tempi di solito sono lunghi. Da quel che è emerso da fonti stampa i primi accertamenti sulla vicenda avrebbero chiamato in causa una rete di truffe a livello europeo che renderebbero molto difficile lo scioglimento della matassa.

Truffe Bitcoin più diffuse di quel che si pensa

A raccontare la vicenda per primo è stato il Gazzettino. E la società coinvolta nella truffa con il falso spot è la ForexTB che, fingendo un’escalation di perdite da recuperare, è riuscita a far versare al professore l’ingente cifra sopra descritta.

La storia finora raccontata dimostra come sia importante affidarsi per i propri investimenti a broker autorizzati e seri, dei quali si può certificare l’esistenza per evitare truffe Bitcoin. Un piccolo controllo prima consente di non perdere i propri risparmi. Purtroppo il mondo delle criptovalute, proprio per la mancanza di un sistema di controllo comune e di conseguenza efficiente, rende necessario il mantenere costantemente alta la propria attenzione.

Per quanto gli spot possano sembrare validi, è importante verificare la veridicità delle informazioni offerte dalle piattaforme, per avere la certezza di non incappare in truffe. Perdendo per l’appunto i risparmi messi da parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>