Gruppo TAS: ricavi in moderata flessione nei primi nove mesi

Spread the love

Nei primi nove mesi del corrente anno il Gruppo TAS, quotato in Borsa a Piazza Affari, ha conseguito un volume di fatturato pari a 35,8 milioni di euro con una flessione del 4% circa rispetto ai 37,5 milioni di euro raggiunti nel periodo da gennaio a settembre del 2009. Questo è quanto emerso in particolare dai dati esaminati ed approvati dal Consiglio di Amministrazione della società che, lo ricordiamo, è un operatore primario di mercato per quel che riguarda il settore dei servizi e dei software per le applicazioni finanziarie e bancarie. Nei nove mesi l’Ebitda migliora a 2,1 milioni di euro rispetto ad un valore negativo per 3,2 milioni di euro dello stesso periodo dello scorso anno; contestualmente, i costi operativi nei nove mesi hanno fatto registrare una contrazione del 17% a 7 milioni di euro circa.

Il risultato operativo di periodo, negativo per 4 milioni di euro, ha risentito delle svalutazioni e degli ammortamenti per complessivi 6,2 milioni di euro, ma in ogni caso il dato è in netto miglioramento rispetto ai -22 milioni di euro di risultato operativo nel periodo gennaio-settembre 2010. Come diretta conseguenza, il risultato netto di periodo registra per il Gruppo TAS un utile pari a 3,3 milioni di euro rispetto ai 24 milioni di euro di perdite dello scorso anno.

Concentrando l’attenzione solo sull’ultimo trimestre, il terzo del 2010, il Gruppo TAS ha conseguito ricavi per 11,2 milioni di euro, ovverosia sullo stesso livello di quelli riportati nel Q3 2009. Il margine operativo lordo, a 2,5 milioni di euro, ha invece risentito positivamente della azioni di razionalizzazione e di contenimento dei costi che riguardano sia il personale dipendente, sia le spese amministrative e quelle generali. Con una nota ufficiale il Gruppo TAS, inoltre, ha fatto presente come con la sottoscrizione, nel febbraio scorso, del nuovo Accordo di Ristrutturazione dei debiti, tutto il debito relativo sia stato classificato tra le passività finanziarie non correnti.

Lascia un commento