Eni continua ad investire per la crescita

Spread the love

Il colosso energetico Eni continuerà ad investire per la crescita con particolare attenzione per il settore E&P; inoltre, per l’intero 2010 la società del cane a sei zampe stima di riportare un miglioramento significato degli utili. Questo è quanto, tra l’altro, ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Eni, Paolo Scaroni, in concomitanza con il rilascio dei dati di bilancio del terzo trimestre e dei primi nove mesi del 2010 che sono stati esaminati ed approvati da parte del Consiglio di Amministrazione della società. In particolare l’utile operativo adjusted nel trimestre è balzato del 31,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, mentre nei primi nove mesi del corrente anno lo stesso indicatore è cresciuto del 33,4% a 12,57 miliardi di euro rispetto al periodo gennaio – settembre 2009. Luce verde anche per l’utile netto adjusted, schizzato del 47,5% a 1,70 miliardi di euro nel terzo trimestre 2010, e del 35% nei primi nove mesi del corrente anno a 5,15 miliardi di euro.

Come diretta conseguenza, l’utile netto Q3 di Eni è salito del 39% a 1,72 miliardi di euro ed a 5,77 miliardi di euro nei primi nove mesi del corrente anno con un incremento del 45,1%; il cash flow segna invece un valore di ben 11,55 miliardi di euro nei nove mesi, e 2,41 miliardi di euro nel periodo luglio – settembre 2010.

Per quel che riguarda gli highlight operativi dei Eni, la società nel terzo trimestre 2010 ha conseguito una produzione di idrocarburi che, attestatasi a 1,705 milioni di barili/giorno, è risultata essere in linea con lo stesso trimestre dello scorso anno. Pollice verso invece per le vendite di gas che scendono del 9,3% nei nove mesi del 2010, e del 17,4% a 18,60 miliardi di metri cubi nel terzo trimestre. Nel periodo Eni ha intanto già annunciato a livello esplorativo importanti successi in Paesi come l’Angola, il Venezuela ed il Regno Unito, così come nel Togo e nella Repubblica Democratica del Congo sono state ottenute delle licenze di esplorazione in nuove aree che a livello minerario presentano un elevato potenziale.

Lascia un commento