Perché puntare su strategie di investimento total return?

di Redazione Commenta

I risparmiatori stanno riscoprendo sempre più le strategie di investimento total return, ovvero quelle che consentono al money manager di muoversi liberamente sui mercati globali alla ricerca di opportunità senza essere troppo vincolati a particolari benchmark di riferimento. In termini di commissioni i fondi di investimento total return hanno mediamente un costo più elevato, ma se si investe un capitale abbastanza elevato le fee potrebbero avere un impatto molto marginale sulla performance del fondo. Questi fondi total return si fanno preferire soprattutto in contesti di mercato di forte incertezza.

D’altronde se i mercati finanziari si muovono in territorio positivo, con le borse americane non lontane dai massimi storici e altre sui livelli più alti degli ultimi 4-5 anni, l’economia reale non sembra rispondere allo stesso modo. In Europa le cose non vanno bene, in America la crescita non è particolarmente elevata, in Giappone è in corso una stagnazione da molti anni e solo i mercati emergenti riescono a tenere un passo più spedito.

COME INVESTIRE CON LA STRATEGIA DEL “RENDIMENTO REALE” DI ALLIANZ GLOBAL INVESTOR

Maurizio Novelli, strategist di Zest Asset Management Sicav, evidenzia questo strano binomio “equity” ed “economia” con l’esempio del Regno Unito, che rischia la sua terza recessione in quattro anni dal 2008 al 2012, ma la borsa di Londra è salita sui massimi più alti degli ultimi 4 anni. Una variabile da valutare è senza dubbio l’aspettativa di inflazione. Per i prossimi 18-24 mesi le stime restano invariate: i prezzi resteranno sotto controllo. Il rischio è, però, che possa avvenire un improvviso shock in grado di cambiare radicalmente la posta in gioco sui mercati globali.

INVESTIRE SUI BTP A LUNGA SCADENZA SECONDO ALLIANZ

Secondo la banca privata svizzera Reichmuth & Co, fra tre anni il dato medio dell’inflazione potrebbe anche triplicare rispetto ad oggi. In Europa meridionale, ad esempio, potrebbe clamorosamente balzare all’8% dal 2,7% attuale. Un incremento dell’inflazione è positivo per azioni e titoli inflation-linked, ma molto negativo per i bond in quanto erode il valore reale dei titoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>