Obbligazione Barclays quinquennale indicizzata all’inflazione

di Fil Commenta

 Dallo scorso 17 dicembre 2009, sul mercato “MOT” di Borsa Italiana S.p.A. sono iniziate le negoziazioni di un’obbligazione emessa da Barclays Bank PLC; trattasi, nello specifico, dell’obbligazione “Barclays Bank PLC “EUR 5 Years Inflation Notes”, Codice ISIN IT0006709817, collocata per un importo complessivo pari a 25 milioni di euro a fronte di 25 mila obbligazioni in circolazione aventi un taglio di 1.000 euro. L’obbligazione ha come data di godimento quella del 4 dicembre 2009, e scadenza il 4 dicembre 2014, data in cui il capitale investito sarà rimborsato in un’unica soluzione ed alla pari. Il titolo, negoziabile sul mercato per lotti di mille euro o multipli, paga in via posticipata una cedola il 4 dicembre di ciascun anno fino alla naturale scadenza del prestito.

In base ai più recenti giudizi emessi dalle Agenzie specializzate, il rating del soggetto emittente l’obbligazione è “Aa3” per Moody’s e “AA-” sia per Standard & Poor’s, sia per Fitch Ratings. Per i primi due anni, l’obbligazione Barclays Bank PLC “EUR 5 Years Inflation Notes” paga un interesse a tasso fisso lordo annuo del 3%, mentre per i restanti tre anni scatta per l’obbligazione l’indicizzazione al tasso di inflazione europea. I rischi correlati a questo tipo di investimento sono legati sia al rischio emittente, ed alle possibili fluttuazioni del suo merito di credito che possono incidere sul prezzo di mercato dell’obbligazione stessa, sia a partire dal terzo anno dall’andamento dei prezzi in Europa con la conseguenza che l’obbligazione, fermo restando il rimborso alla pari a scadenza, potrebbe anche quotare sotto la pari.

L’obbligazione, infatti, appartiene alla classe dei cosiddetti titoli obbligazionari “Rate“, e sono quindi indicati per chi ha comunque una visione di medio e lungo termine per i propri investimenti. Questo perché, tra l’altro, a fronte del 3% lordo pagato dalle obbligazioni per i primi due anni, al terzo, quarto e quinto anno non c’è certezza sulla cedola se non nel momento della sua determinazione; questa, in particolare, potrà anche essere, nel caso, superiore al 3%, oppure inferiore, oppure nel peggiore dei casi nulla e comunque mai negativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>