Barclays emetterà domani due nuovi covered warrant

di Simone 3

 Due nuovi covered warrant entrano a far parte della già numerosa famiglia di Barclays: la banca britannica comincerà infatti a negoziare dalla giornata di domani questi strumenti finanziari che sono definiti come “strutturati-esotici”. Nel dettaglio, si tratta dell’offerta denominata “120.000 FX Linked Certificates due November 2014 and 2017”, il che ci fa già capire che le scadenze saranno differenti, vale a dire due e cinque anni. Detto che l’operatore incaricato ad assolvere l’impegno di quotazione sarà la società di intermediazione mobiliare Equita, si può cominciare a citare quali sono le caratteristiche principali di tale emissione.

BARCLAYS SCEGLIE FTSE MIB E DAX PER I SUOI MINI FUTURE CERTIFICATE
Il primo covered warrant in questione (il codice Isin di riferimento è XS548381820). In questo caso, i sottostanti saranno rappresentati dalle due principali valute a livello internazionale, vale a dire l’euro e il dollaro americano; la data di scadenza è stata fissata per il 24 ottobre del 2017, mentre l’importo complessivo ammonterà a dodici milioni di euro, un totale che deriva dalla moltiplicazione tra i 120mila prodotti messi a disposizione e il valore nominale unitario (cento euro per la precisione). Nel secondo caso, invece, il codice Isin che interesserà agli investitori sarà XS0548381747: le uniche differenze con il primo prodotto consistono in pratica nella scadenza minore (due anni per l’appunto, con la data fissata nel 2014), mentre per il resto la struttura è praticamente identica. Quali valutazioni sono state affibbiate nello specifico dalle agenzie di rating?

COVERED WARRANT: UNICREDIT BANK SI AFFIDA AI TASSI DI CAMBIO

Standard & Poor’s e Fitch si sono sbilanciate entrambe con un AA-, mentre Moody’s ha optato per un Aa3: gli investitori possono quindi comprendere che si tratta di giudizi piuttosto elevati, in quanto in tutti e tre i casi il rating indica l’ultimo gradino dell’ottima affidabilità, con zero possibilità in relazione a un default entro un anno e lo 0,4% di probabilità che esso si verifichi nel successivo quinquennio.

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>