Certificati: i quattro nuovi Bonus Cap di Bnp Paribas

di Redazione Commenta

Sono già tre giorni che il comparto Sedex di Borsa Italiana sta beneficiando della quotazione di alcuni interessanti certificati di investimento di Bnp Paribas: si tratta di quattro Bonus Cap che prevedono un accostamento a titoli azionari importanti, vale a dire quelli di Assicurazioni Generali, Enel (due prodotti nello specifico) e Unicredit. Dunque sono state scelte delle azioni di un certo prestigio e dall’affidabilità più alta. Il tipo di liquidazione di tali strumenti sarà quello monetario, mentre ci si affiderà anche alla modalità europea di esercizio. Quali sono le caratteristiche salienti di questa offerta dell’emittente francese?

BNP PARIBAS AMPLIA LA PROPRIA GAMMA DI CERTIFICATI EASY EXPRESS
Anzitutto, i certificati legati alle performance di Generali e Unicredit giungeranno a maturazione il prossimo anno, più precisamente il 17 maggio per quel che concerne la compagnia assicurativa e il 21 giugno per la banca; i due certificati che osservano da vicino l’andamento dell’Ente Nazionale per l’Energia Elettrica avranno invece una durata triennale, scadendo il 9 e il 20 marzo del 2015. Tra l’altro, la prima barriera è compresa tra un minimo di quaranta e un massimo di settanta punti percentuali. Per quel che concerne, poi, il rapporto tra il bonus e lo strike, si va dal 114 al 125%. La valuta di denominazione sarà ovviamente l’euro. Non è la prima volta che Bnp Paribas si cimenta in una emissione di Bonus Cap Certificate, scegliendo come piazza privilegiata proprio quella del nostro paese.

BNP PARIBAS: PRIMI BONUS CAP DEL 2012 PER BORSA ITALIANA

Il funzionamento è stato più volte ricordato, ma vale la pena rinfrescare la memoria per tutti quegli investitori che dovessero essere interessati. Questi certificati permettono di ottenere al momento della scadenza un importo preciso, il bonus per l’appunto, ma ogni singolo valore di chiusura del titolo sottostante deve essere pari e mai inferiore al cosiddetto livello-barriera. Qualora l’azione dovesse scendere al di sotto di questa soglia, anche soltanto per una volta, l’importo finale sarà pari a quanto registrato alla scadenza dal sottostante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>