La BBC debutta nel mercato delle obbligazioni

di Redazione Commenta

La BBC (British Broadcasting Corporation), tra le più celebri emittenti televisive britanniche e mondiali, ha deciso di accedere ai mercati finanziari per la prima volta nella sua storia quasi centenaria: l’obiettivo dell’azienda londinese è quello di cercare vie alternative per il finanziamento di BBC Worldwide, la quale realizza e vende i programmi della rete in tutto il mondo. La società inglese è riuscita a raggranellare 170 milioni di euro e a convincere un totale di otto investitori, per la maggior parte fondi pensionistici e compagnie assicurative.

Si sta parlando di un titolo obbligazionario che avrà una durata di sette anni e che andrà a rimpiazzare una parte dell’attuale debito contratto con le banche. Il debutto servirà dunque alla BBC per diversificare le proprie fonti di prestito e per ottenere finanziamenti a lungo termine. Il collocamento riguarda inoltre il mercato privato americano. Come ha spiegato la stessa compagnia, si tratta di un mercato che induce all’ottimismo e perfetto per questa prima esperienza, anche perché il debito bancario non può attendere oltre. Il gruppo di investitori finanziari citato in precedenza, inoltre, viene considerato di ottima qualità. L’offerta, finanziata con un tasso di interesse pari a 2,71 punti percentuali, si inquadra nelle recenti esternazioni del numero uno della Federal Reserve, Ben Bernanke, intenzionato a ridurre quest’anno i programmi di acquisto.

La transazione è stata giudicata perfetta dal punto di vista temporale, tenendo conto della cedola che verrà garantita e dei movimenti futuri del mercato obbligazionario. Barclays e Lloyds sono i due istituti di credito che si sono occupati della gestione della vendita. C’è da ricordare, inoltre, come i prodotti principali della BBC (in primis Top Gear, Doctor Who e Planet Earth) siano venduti in maniera regolare in più di cento mercati in tutto il mondo. Gli ultimi profitti della divisione Worldwide sono aumentati dell’8%, per un profitto totale che ha raggiunto il miliardo di sterline.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>