Gli acquisti delle banche centrali portano verso l’alto i Btp

di Simone Commenta

 La restrizione apposta agli spread per quel che riguarda l’ormai noto pacchetto di stimoli economici a favore della Grecia ha portato anche a un importante rialzo in relazione al settore secondario del nostro paese: in particolare, si può osservare come l’acquisto di titoli da parte delle principali banche centrali dell’Unione Europea è stata la molla decisiva in questo senso. Questi acquisti coordinati della Banca Centrale Europea rappresentano, secondo molti analisti, un movimento piuttosto aggressivo e che ha riguardato soprattutto i paesi maggiormente colpiti da questa sorta di allargamento, vale a dire le nazioni esposte come la Grecia, la Spagna e il Portogallo. Le rilevazioni più importanti e da monitorare con maggiore attenzione sono i differenziali tra il Btp e il Bund della Germania, in particolare la scadenza a dieci anni.

 

Il livello minimo, in questo senso, è arrivato fino a 98,5 punti base, mentre la scorsa settimana questo stesso quantitativo si aggirava attorno ai 164 punti. Il rendimento del titolo a due anni, invece, ha subito un ribasso di ben 67 punti base, un record negativo dalla fine del mese di aprile. Si è quindi registrata una vera e propria controtendenza; soltanto una settimana fa gli spread (quindi il differenziale tra i tassi di rendimento) greci, spagnoli e portoghesi volavano alto, ma in pochi giorni tutto si è ridotto in maniera significativa e rapida.

 

Perfino i costi volti ad assicurare il debito delle nazioni cosiddette “periferiche” sono risultati in evidente calo. Per gli addetti ai lavori, era più che preventivabile una liquidazione di questo tipo, anche se l’urgenza maggiore in questo momento è quella di rivelare nel dettaglio tutti gli aspetti. I numeri sui titoli denominati come “rifugio” rimangono abbastanza impressionanti e inducono a una riflessione profonda: gli interrogativi da risolvere sono quelli relativi alla fattibilità, ma soprattutto ai metodi di finanziamento di queste operazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>