Wall Street sale sui massimi più alti da dicembre 2007

di Redazione Commenta

Ieri a Wall Street i principali indici azionari americani hanno evidenziato un nuovo strappo verso l’alto, sebbene le trimestrali di ieri abbiano fornito indicazioni negative. L’indice S&P500 è salito fino a 1.485 punti, chiudendo la seduta di borsa con un rialzo dello 0,56% a 1.480,94. L’indice americano è salito sui massimi più alti da dicembre 2007. Bene anche l’indice Dow Jones, che ha chiuso con un progresso dello 0,63% a 13.596 punti, toccando il massimo più alto da ottobre scorso. In rialzo anche il Nasdaq (+0,56%).

Ieri la trimestrale di Citigroup ha comunque deluso le attese degli analisti. Nonostante l’aumento degli utili del 25% grazie all’attività di trading, Citi ha deluso le aspettative e alla fine ha chiso la seduta di borsa con un calo del 2,92% a 41,24 dollari. Escludendo le voci straordinarie, i profitti del conglomerato finanziario americano sono stati pari a 2,2 miliardi di dollari, ovvero 0,69 dollari per azione. Gli analisti finanziari, invece, si aspettavano un eps di 0,96 dollari.

RISULTATI 2012 JP MORGAN

Complessivamente nel 2012 Citigroup ha macinato profitti per 7,54 miliardi di dollari, molto meno degli 11,06 miliardi del 2011. Cala anche il fatturato totale dell’esercizio 2012 a 70,2 miliardi di dollari dai 78,4 miliardi dell’anno precedente. Nel quarto trimestre dell’anno gli utili sono stati frenati da oneri per 2,3 miliardi e dal rallentamento delle attività asiatiche. Ha deluso le aspettative anche Bank of America, che ha riportato un calo dei profitti netti del 63% sulle voci non ricorrenti nell’ultimo trimestre dello scorso anno. A Wall Street il titolo BofA è crollato del 4,24% a 11,28 dollari.

GOLDMAN SACHS: RISULTATI QUARTO TRIMESTRE 2012

Le due trimestrali pubblicate ieri non sono riuscite così a tenere il passo dei conti diffusi il giorno prima da Jp Morgan e Goldman Sachs. La prima ha registrato il record annuale di profitti nell’ultomo triemestre del 2012 a 5,69 miliardi di dollari, mentre la seconda ha visto gli utili volare a 2,9 miliardi di dollari. Il rialzo di Wall Street può essere spiegato, invece, con i buoni dati del settore immobiliare, che si conferma in crescita. Oggi è atteso il dato sulla fiducia dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>