Dati USA decisivi per il recupero

di Redazione Commenta

L’andamento delle Borse Europee nella giornata di oggi fa’ dimenticare le precedenti settimane in cui il mercato azionario ha raggiunto livelli da panico. Il ritorno dello spread al centro della cronaca e la paura per il fallito tentativo di uscita dalla crisi dell’Eurozona, contrasta fortemente con le novità positive sul Portogallo e sulla negazione dell’uscita della Grecia dall’area Euro. Le notizie negative che hanno trascinato i mercati vicino a minimi pericolosi per il lungo termine sembrano svanire in questo Lunedì ormai chiuso, in cui si rilancia l’azionario Europeo con il Dow Jones in territorio incerto.

Il forte rialzo registrato durante la mattina ha spinto il FTSE-Mib in prossimità dei 13000 punti, livello “di sicurezza” su cui gli investitori fanno affidamento per i prossimi giorni come valore di supporto. Incerto il Dow Jones, che dopo una seduta contrastata (iniziata con un calo deciso e proseguita con il recupero totale della discesa) va a chiudere la giornata poco sopra ai 12100 punti, consolidando comunque le aspettative rialziste dell’Eurozona.

UNA SEDUTA PERFETTA PER IL DOW JONES INDUSTRIAL AVERAGE

Decisivi, secondo gli analisti, i dati USA in uscita domani; durante le contrattazioni verranno diffusi l’indice Redbook relativo alle vendite al dettaglio relativo alla settimana tra il 28 maggio ed il primo giugno, insieme all’ancora più rilevante indice ISM dei servizi che a maggio potrebbe confermarsi intorno ai 53.8 punti. Per la giornata di domani quindi i mercati mondiali si affidano interamente all’andamento di Wall Street, mentre lo spread, per quanto alto, non farà da padrone sulla seduta del mercato azionario, così come l’emissione del BTP italia passerà altrettanto in secondo piano.

OCCUPY WALL STREET

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>