Stati Uniti: la Camera propone nuove regole per i futures

di Redazione Commenta

I legislatori statunitensi della Camera hanno proposto proprio nel corso della giornata di ieri un emendamento volto a introdurre nuove regole finanziarie per consolidare il monopolio detenuto dagli scambi di contratti futures su molti prodotti; in particolare, il provvedimento si riferisce al mercato delle commodities e dovrebbe essere in grado di scongiurare la camera di compensazione in caso di rischio del credito. Le piazze in cui si scambiano i futures sono spesso viste come dei veri e propri monopoli, visto che tale tipo di trading tende sempre al limite più alto dei business, con gli investitori e i gestori pronti ad assicurare il miglior prezzo, anche se i costi di una piattaforma rivale rimangono più bassi. L’emendamento in questione, tra l’altro, è stato appoggiato con convinzione dal Chicago Mercantile Exchange (Cme) e dall’Intercontinental Exchange (Ice) e fa parte del lungo elenco di regole approntate dall’amministrazione Obama per risollevare le sorti dell’economia dopo la crisi del 2008; bisogna comunque spiegare qualche dettaglio.

 

La Camera di Compensazione svolge un ruolo molto simile a quello di una controparte per l’attività di trading tra le varie transazioni e improntato a ridurre al massimo il rischio nell’ipotesi in cui un membro della Camera dovesse fallire. Con una struttura simile, i traders che vogliono operare sul Cme devono sempre precisare tutte le caratteristiche delle loro transazioni, in modo che gli investitori possano essere in grado di acquistare e vendere azioni presso qualsiasi piattaforma.

 

L’emendamento, comunque, potrebbe arrecare qualche problema a Elx, opposto allo stesso Cme in una disputa che riguarda il modo in cui consentire ai clienti di spostare le posizioni sui futures tra le due camere di compensazione. Gary Gensler, portavoce della Commodity Futures Trading Commission, ha sostenuto il libero accesso agli strumenti finanziari come modalità di promozione della concorrenza: la separazione dello scambio di contratti futures dovrebbe quindi assicurare che non ci siano compensazioni in altri ambiti economici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>