Rendimax Base e Vincolato: aumentano i tassi

di Redazione Commenta

Banca Ifis ha reso noto alla propria clientela di Rendimax, il conto di deposito remunerato, che a partire dal prossimo 1 settembre 2010 aumenteranno le remunerazioni sulle giacenze sia per Rendimax Base, ovverosia sulle giacenze libere, sia su Rendimax Vincolato. Banca Ifis è quindi la prima Banca che propone conti di deposito remunerati a “cambiare rotta” innalzando i tassi di interesse a favore della propria clientela. Nel dettaglio, dall’1 settembre 2010 Rendimax aumenterà per tutti i clienti, quelli attuali e quelli nuovi, i tassi di interesse di 25 punti base. Questo significa che, rispetto all’attuale remunerazione all’1,84% annuo lordo di Rendimax Base, dall’1 settembre 2010 il rendimento lordo annuo passa al 2,09% che, considerando la capitalizzazione degli interessi con cadenza trimestrale, significa un tasso lordo annuo effettivo del 2,10%.

Dall’1 settembre 2010 aumenterà dello 0,25% anche il rendimento su Rendimax Vincolato su tutte le scadenze; questi, in particolare, saranno i nuovi tassi lordi annui offerti: 2,25% lordo annuo su Rendimax Vincolato a 30 giorni, 2,30% su Rendimax Vincolato a 60 giorni, 2,40% su Rendimax Vincolato a 90 giorni, 2,50% su Rendimax Vincolato a 180 giorni, 2,60% su Rendimax Vincolato a 270 giorni e 2,75% su Rendimax Vincolato a 365 giorni.

In concomitanza con questa buona notizia a favore dei titolari di Rendimax, Banca Ifis sottolinea come l’Istituto continui a distinguersi rispetto alle altre banche che offrono i conti di deposito remunerati in quanto non privilegia l’acquisizione di nuovi clienti attraverso delle offerte promozionali aventi una durata limitata, ma vuole garantire sempre il rendimento più elevato di mercato senza andare ad applicare delle condizioni differenti tra i vecchi ed i nuovi clienti. Ricordiamo che Rendimax è un conto di deposito remunerato a zero spese di apertura, ma anche di gestione e chiusura, non si paga imposta di bollo e può essere aperto sia dai privati e dalle famiglie per far fruttare i risparmi, sia dalle imprese per ottenere una adeguata remunerazione dalla propria liquidità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>