Kfhr aggiorna il rapporto sull’andamento dei sukuk

di Simone Commenta

In che condizioni di salute si trova il mercato dei sukuk? La risposta è giunta da un rapporto di Kuwait Finance House Research Limited (Kfhr), società araba attiva in questo tipo di ricerche, la quale si è soffermata sull’importanza della finanza islamica in questo preciso momento storico: i titoli obbligazionari rispettosi della religione musulmana hanno ormai raggiunto un volume d’affari pari a cinque miliardi di dollari, il 61,7% dei quali fa capo a un solo istituto, Bank Negara Malaysia. Il documento in questione è aggiornato allo scorso mese di aprile, dunque è davvero molto recente. Tra gli elementi da rimarcare vi è soprattutto il fatto che si è assistito di recente a un calo che non veniva registrato dal luglio del 2010: la spiegazione di questo declino è semplice, in effetti, le piazze mediorientali sono ancora a corto di liquidità e queste condizioni non possono che incidere negativamente sull’andamento generale.


Vi sono comunque esempi molto interessanti di quotazioni. Ad esempio, si può citare il sukuk di Al-Rajhi Cement, compagnia giordana attiva nell’industria del cemento e delle costruzioni, la quale si è focalizzata su una scadenza a sette anni e su una sottoscrizione interamente islamica per quel che concerne gli istituti di credito; non è da meno neanche il bond della Central Bank of Bahrain (530 milioni di dollari), improntato a una maturazione quinquennale.

C’è poi da considerare il fattore valutario: gran parte dei titoli vengono denominati in ringgit malesi (78% del totale), mentre percentuali minori sono riservate al dinaro del Bahrain (12,1%), alla rupia indonesiana (7,4%) e al dinaro della Giordania (2,4%). Nella ideale “top five” dei migliori sukuk di tipo corporate, figurano la già citata Al-Rajhi e quattro società malesi, vale a dire la Cimb Islamic Bank, la Esso Malaysia Berhad, Telekom Malaysia e la Warisan Sdn Bhd. Infine, curioso è stato il ricorso perfino al governo del Senegal per una emissione da duecento milioni di dollari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>