Investire in Unipol dicembre 2012

di Redazione Commenta

Ulteriori approfondimenti sul progetto di integrazione tra Premafin e Fonsai, per il quale Unipol prevede nuovi rafforzamenti patrimoniali. L’ammontare stimato per l’esercizio in corso, afferma la società, è di circa 750 milioni di euro. Ma non solo: cerchiamo di capirne di più sulle operazioni preparatoria a una delle maxi operazioni societarie del decennio in ambito assicurativo.

Stando a quanto ora noto, nel progetto di integrazione con Premafin e Fonsai, Unipol prevede per il periodo 2012-2015 rafforzamenti delle riserve sinistri danni di esercizi precedenti per circa 900 milioni di euro. Ad affermarlo è lo stesso gruppo bolognese, che su richiesta della Consob (e non solo), ha di fatti confermato che gran parte dei rafforzamenti sarebbero di competenza dell’esercizio in corso (vedi anche Comprare azioni Unipol e Fonsai: ecco cosa accadrà nei prossimi giorni).

Secondo quanto spiegato dal gruppo Unipol, l’ammontare stimato per l’esercizio in vigore sarebbe “di circa 750 milioni di euro, di cui circa 650 milioni di euro riferibili al perimetro del consolidato Fondiaria-Sai (350 milioni di euro circa a quello di Milano Assicurazioni) e circa 100 milioni di euro a Unipol Assicurazioni“, aggiungendo in una nota come tali rafforzamenti “sono già ricompresi nelle situazioni economico-patrimoniali al 30 settembre 2012, per un ammontare di circa 380 milioni di euro”.

Inoltre, prosegue ulteriormente Unipol, “i rapporti di cambio tra le azioni delle società coinvolte nella fusione sono stati determinati con riferimento alle situazioni patrimoniali alla data del 30 settembre 2012 e tenendo conto delle proiezioni economico-finanziarie ‘stand alone’ di dette società, che assumono – per Unipol Assicurazioni – la distribuzione, prima della data di efficacia civilistica della fusione, di un dividendo ordinario riferibile all’esercizio 2012 – e non straordinario come erroneamente riportato da alcuni organi di stampa – di 150 milioni di euro“.

Anche nelle prossime settimane torneremo diverse volte su questa intricata operazione societaria. Vi terremo ovviamente informati su tutte le evoluzioni di tale transazione: continuate a seguirci con la consueta costanza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>