Etf per investire in Cina

di Fil Commenta

 Per chi vuole investire sul mercato cinese, una delle aree a più elevato tasso di sviluppo visto che il Paese in futuro si candida a diventare la prima potenza economica mondiale, c’è la possibilità di “scommettere” sull’azionario “made in China” sfruttando i vantaggi offerti dagli Etf, ovverosia liquidità, possibilità di poter negoziare lo strumento nei giorni di Borsa aperta, e bassi costi. Uno degli Etf quotati sul mercato italiano che replica l’andamento dell’azionario cinese è il Lyxor Etf China, codice ISIN FR0010204081, emesso da Lyxor International Asset Management S.A. L’Etf è armonizzato, prevede la possibilità di ottenere annualmente un dividendo, e replica passivamente l’HSCEI, l’indice Hang Seng China Enterprises che viene sia calcolato, sia pubblicato, dall’Hang Seng Indexes Company Limited. L’indice, nello specifico, si compone delle più importanti azioni cinesi che vengono negoziate in dollari di Hong Kong.

Il Lyxor Etf China non prevede commissioni di entrata, di uscita e di performance, mentre la commissione di gestione annua è pari allo 0,65%; l’Etf, appartenente alla categoria degli OICR aperti indicizzati, viene scambiato sull’apposito circuito gestito da Borsa Italiana S.p.A. in tutti i giorni di mercato aperto dalle ore 9:05 alle ore 17:25 con lotto minimo pari ad un solo Etf. Per quanto riguarda la tassazione sui guadagni conseguiti da questo strumento finanziario, in regime di risparmio amministrato è pari al 12,5% con prelievo effettuato direttamente dall’intermediario; questo significa che i guadagni conseguiti dall’investitore italiano sull’Etf Lyxor China non dovranno essere riportati nella propria dichiarazione dei redditi.

Dato che il Lyxor Etf China replica un indice azionario, il rischio che si assume l’investitore è chiaramente elevato. In base ai valori di chiusura odierni, Lyxor Etf China vale attualmente 115,31 euro dopo aver toccato quest’anno un minimo annuale a 65,56 euro il 22 gennaio 2009, ed un massimo annuale a 121,27 euro il 16 novembre scorso. Lo strumento presenta di norma sul mercato un discreto livello di scambi che, nella giornata di oggi, sono stati pari a quasi due milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>