Btp, debito italiano il più venduto da investitori nel 2016

di Valentina Cervelli Commenta

I Btp, i titoli di stato italiani, sono stati il debito più venduto dagli investitori nel corso del 2016: il dato è stato reso noto all’interno dell’ultimo report della Banca Centrale Europea che sottolinea come al momento, dal punto di vista degli investimenti, l’Italia sia sofferente.

Sono diversi i paesi che vengono elencati nel Bollettino economico della BCE ma l’Italia risulta essere una tra le peggiori in quanto a performance.  Si legge infatti nel rapporto:

Le maggiori vendite nette di titoli di debito da parte di investitori esteri sono state registrate in Italia (4,1% del Pil), seguita da Germania (3,1%) e Spagna (1,8%). A differenza del conto finanziario dell’area dell’euro, si sono osservati marcati flussi netti di investimenti di portafoglio transfrontalieri in titoli azionari a livello di singoli paesi, i quali sono riconducibili ai significativi flussi transfrontalieri all’interno dell’area dell’euro verso fondi di investimento, domiciliati principalmente in centri finanziari dell’area. Nel 2016 i flussi netti transfrontalieri in fondi di investimento hanno costituito la maggior parte dei flussi di investimenti di portafoglio in azioni
osservati per i singoli i paesi dell’area, con i flussi più consistenti ascrivibili all’Italia

L’attenzione degli investitori esteri si è rivolta in particolare verso la Francia, dove l’acquisto dei titoli di debito è salito nettamente. Anche la Spagna è tra le nazioni che hanno suscitato interesse. E la spiegazione è da trovare nel fatto che nonostante alcune difficoltà macroeconomiche  anche il paese iberico è riuscito insieme alla Slovenia ed alla Francia a modificare il suo status migliorando la propria situazione. E’ arrivata l’ora di svegliarsi per l’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>